I 20 migliori film ambientati sui treni – Classificati! | Film

20 Linea d’argento (1976)

Lo spettacolo di Gene Wilder che ondeggia sotto la guida di Richard Pryor è sufficiente per cancellare questa commedia leggera Faster Than A Train On Strike Day. Ma c’è ancora molto da godere, dalla scena in camera da letto tra Wilder e Jill Clayburg, interrotta da uno shock orribile, al cast vivace (Ned Petty, Scatman Crothers) e lo sbalorditivo tracollo finale.

19 magliette (2012)

Questo folle giro di Bollywood su Speed ​​riduce la suspense dell’originale piazzando la bomba sul treno Virgin Express da Londra a Glasgow. L’inserimento di prodotti previene i danni: Virgin ha montato raramente uno dei suoi treni se c’era il rischio che fosse esposto ai rifiuti. Il più vicino al pericolo reale del film arriva quando il treno salta dai punti senza rallentare, facendo ribaltare il vagone dei rinfreschi sul braccio del passeggero.

18 Darjeeling Limited (2007)

Il soggiorno indiano di Wes Anderson è tutt’altro che il migliore, ma si guadagna un posto in questa lista per la sua adorata immagine delle gioie del viaggio in treno. Il film è prenotato con scene di personaggi che corrono verso i treni: un uomo d’affari interpretato da Bill Murray all’inizio non riesce a recuperare il ritardo, mentre tre fratelli (Adrien Brody, Jason Schwartzman e Owen Wilson) gettano un bagaglio emotivo e fisico (“il passato è finita!”) in uno scatto finale per loro.

Jason Schwartzman, Owen Wilson e Adrien Brody in The Darjeeling Limited. Foto: Fox Searchlight/Allstar

17 da stazione a stazione (2015)

Il documentario ipnotico dell’artista Doug Aitken è composto da 62 film di un minuto girati nel 2013 che “accadono” durante un viaggio in treno di 24 giorni tra la costa orientale e quella occidentale degli Stati Uniti. Il film include conversazioni, performance, musica (Beck, Cat Power, Thurston Moore) e Travelogue e invita a confronti diretti tra lo schermo del film e il paesaggio che circonda il finestrino di un treno.

16 Treno per Busan (2016)

Le tensioni di classe sono aumentate in questo rabbioso film horror di zombi di Yeon Sang-ho, proprio come nel precedente Snowpiercer del connazionale Bong Joon-ho. Gli zombi si scatenano su un treno espresso mentre corre da Seoul a Busan. Sono assetati di sangue, inarrestabili e la loro energia di ferro potrebbe essere esaurita insieme.

Dong-Seok Ma, Soo-An Kim e Yoo Gong sul treno per Busan.
Dong-Seok Ma, Soo-An Kim e Yoo Gong sul treno per Busan. Foto: Well Go USA Entertainment / Allstar

15 omicidi sull’Orient Express (1974)

L’agente del regista Sidney Lumet lo ha definito un “film stupido sul treno”, ma il cast – Albert Finney nei panni di Hercule Poirot, sospettati tra cui Lauren Bacall, Sean Connery, John Gielgud e Ingrid Bergman, vincitrice dell’Oscar come migliore attrice non protagonista – presenta questo esilarante enigma (filmato Gli interni di Elstree) hanno la sensazione di una scatola di cioccolatini fantasia con pochissimi tipi di caramelle. “Sapevo stilisticamente che devi essere gay nello spirito, anche se si tratta di un omicidio”, ha detto Lumet. “E non hai mai visto nessuno lavorare così duramente per essere così felice [as] Questo cupo piccolo ebreo si sta esorcizzando”.

14 Lily Mel (1936)

La pubblicazione si fa strada da Londra alla Scozia nelle prime ore in questo toccante taglio di capelli corto prodotto per £ 2.000 dalla GPO Film Unit. Tra lo staff altamente qualificato c’erano il regista John Grierson, W.H. Auden (che ha scritto il commento in versi), Alberto Cavalcanti (in seguito regista di Went the Day Well?), responsabile dell’uso drammatico del suono, così come la musica di 23- Benjamin Britten, il bambino di un anno.

13 Cieca possibilità (1987)

Bogusław Linda in occasione alla cieca di Krzysztof Kieślowski.
Bogusław Linda in occasione alla cieca di Krzysztof Kieślowski. Foto: TCD / ProdDB / Alamy

Realizzato nel 1981 ma accantonato dai poteri forti fino al 1987. Più di un decennio prima dell’inizio della Trilogia Tricolore, Krzysztof Kieślowski ha presentato lo scenario dei Tre Treni, in cui lo stesso uomo corre a prendere un treno per Varsavia in tre paralleli realtà, ciascuna con le sue conseguenze, cupe; Cospargili con Promcom Stardust e chiamali porte scorrevoli.

12 Europa (1991)

Lars von Trier è stato attratto dal materiale da un amore d’infanzia per i set di treni e, rendendosi conto che un binario ferroviario somigliava a una striscia di celluloide, si è messo in un angolo espressivo con questo film altamente ricco di suspense ambientato su un treno tedesco nel 1945. Per tutti Visivamente abbagliante, la storia di un comandante in formazione alle prese con i terroristi nazisti e il suo capo collaboratore è un viaggio soffocante e opprimente. Non c’è da stupirsi che la natura instabile del regno, le onde che si infrangono e la rivoluzione del Dogme 95 stessero per accadere.

11 La storia di Palm Beach (1942)

Come nel film successivo di Billy Wilder A qualcuno piace caldo, la sequenza del treno nel capolavoro di Preston Sturges è solo una piccola ma memorabile parte del più grande bluff della vite a ricircolo di sfere. Le strane palle qui non sembrano rendersi conto di essere intrappolate su un treno: il milionario raveish Ale e il Quail Hunting Club, sfortunatamente sposati con Claudette Colbert, si ritrovano brevemente coinvolti, apparentemente pronti a esplodere dallo schermo e dentro. cinema in qualsiasi momento.

10 Stand n. 6 (2021)

Il calore e il fascino abbondano in questa premiata Cannes su uno spietato minatore russo (Yuri Borisov) e un adorabile archeologo finlandese (Sidi Harla) rannicchiati insieme nella stessa cabina del vagone letto. La loro lenta amicizia con lo slancio in avanti del treno contrasta nettamente con la destinazione: il porto artico di Murmansk e le antiche incisioni rupestri di Kanosero. La scrittura e le interpretazioni teneramente censurate consentono alla parentela e persino al romanticismo di emergere organicamente da un’intimità forzata poco promettente.

9 Trans-Europe-Express (1966)

Un uomo sale su un treno e prepara un’idea di scenario con i suoi compagni di viaggio. Qualcuno dice: “Dovremmo mettere un film su un treno come questo”. “Possiamo chiamarlo Trans-Europ-Express”. Tra quei pianificatori improvvisati che tracciano una sceneggiatura su un trafficante di droga che prende un treno c’è lo sceneggiatore e regista di film, il romanziere Alan Rob Grill. Lo spinner all’interno del film con protagonista il misterioso Jean-Louis Trintinant (morto all’inizio di questo mese).

8 Prima dell’alba (1995)

I film di Richard Linklater hanno attraversato quasi 20 anni fa, ma tutto è iniziato abbastanza modestamente su un treno da Budapest. Jesse (Ethan Hawke) inizia una conversazione con Celine (Julie Delpy), poi la convince a venire con lui a Vienna per trascorrere del tempo lontano la sera e la mattina presto prima di imbarcarsi sul suo volo per gli Stati Uniti. Se non si fosse innamorata del suo fascino sciocco, il pubblico sarebbe stato privato di una delle trilogie più magiche del cinema.

7 Pelham prende da uno a tre (1974)

Jerry Holland, a sinistra, nei panni di Bud Carmody e Earl Hindman nei panni di Mr. Brown in The Take of Pelham One Two Three.
Jerry Holland, a sinistra, nei panni di Bud Carmody e Earl Hindman nei panni di Mr. Brown in The Take of Pelham One Two Three. Foto: United Artists / Allstar

Alzati di dosso il rauco remake del 2009 di Tony Scott (che ovviamente aveva dei cervelli, basato sul suo ultimo film, Unstoppable) a favore di questo originale semplice e intelligente. Combina la suspense con attori di prim’ordine tra cui Robert Shaw, Martin Balsam e Hector Elizondo nei panni dei prestigiosi criminali (ciao, Le Iene) che dirottano una metropolitana di New York e alcune commedie inestimabili di Walter Mathau nei panni di un tenente della polizia di transito che prova a parlare con loro fuori di esso.

6 Treno in fuga (1985)

Jon Voight ed Eric Roberts sono stati entrambi nominati per un Academy Award per aver interpretato un brutale detenuto che ruba una locomotiva dopo essere scappato di prigione. Diretto con intenso orrore esistenziale da Andrei Konchalovsky (un ex collaboratore di Tarkovsky che lavorava ancora a 84 anni), Runaway Train era basato su una sceneggiatura del 1966 co-scritta da Akira Kurosawa e ispirata a un articolo della rivista Life del 1962. Il piano di Kurosawa di dirigere il film del 1967 è stato deragliato a causa di disaccordi con il produttore Joseph E. Levine.

5 Picchianeve (2013)

La rivoluzione è nell’aria nell’entusiasmante thriller di Bong Joon Ho su un treno che gira all’infinito per la terra gelata e inospitale, trasportando gli ultimi sopravvissuti dell’umanità: i poveri stipati nella sporcizia nella parte posteriore e i ricchi che all’inizio li schernivano. Il loro parrucchiere, la scuola e il rifugio ecologico. C’era abbastanza carburante nella fornace per mantenere viva l’idea durante tre round di un eccellente programma televisivo; Entro la fine dell’anno è previsto l’ingresso nella quarta e ultima fermata della stazione.

4 sconosciuti su un treno (1951)

Farley Granger e Robert Walker in Strangers on a Train.
Farley Granger e Robert Walker in Strangers on a Train. Foto: Cinetext Bildarchiv/Warner Bros/Allstar

Nessun autore di Discovering Trains è paragonabile all’entusiasmo di Hitchcock per i trasporti. Lo scambio di “crossover” killer suggerito da Robert Walker per Farley Granger in Strangers on a Train (e poi dato un remake ad eliminazione diretta di Danny DeVito nella sua commedia del 1987 Throw Momma from the Train) potrebbe nascere durante un viaggio in treno, ma ci dice che The Il climax reale si svolge in un circolo rotante fuori controllo, l’antitesi di un treno e un anatema per qualsiasi sceneggiatore, perché tutto ciò che fa è girare senza senso.

3 Novecento (1934)

Il continuo crepitio delle ruote sui binari della ferrovia funge da una specie di acceleratore attraverso il quale i fuochi d’artificio e le strane spirali dell’incredibile commedia di Howard Hawks vengono sincronizzati alla perfezione. Il film arriva sui binari della ferrovia per circa mezz’ora, quando il drammaturgo Oscar Jaffe (John Barrymore), disilluso e indebitato, salta a bordo di un treno del 20° secolo per fuggire dai suoi creditori, solo per imbattersi in Lily Garland (Carol Lombard), la star a cui ha sparato 10 anni fa e poi scappa in macchina: “Quando se n’è andata, ha portato con sé il suo genio”, nota un collega. Le scintille volano con maledizioni e pensieri.

2 La signora scompare (1938)

Per un film che cattura l’eccitazione del viaggio in treno e la sua propensione all’azione, The Lady Vanishes è difficile da battere. Adattato dal romanzo di Ethel Lena White The Wheel Spins, ambientato su un treno espresso europeo e girato a 90 piedi di distanza nello studio londinese di Gainsborough, parla di una spia britannica rapita da agenti stranieri. François Truffaut ha ammesso di aver visto a volte il film due volte a settimana quando veniva proiettato a Parigi: “Mi dico ogni volta che ignorerò la trama, per controllare il treno e vedere se si muove davvero, o per guardare le trasparenze , o per studiare i movimenti della telecamera all’interno delle cabine. Ma in Ogni volta sono diventato così assorbito… che dovevo ancora scoprire la meccanica di quel film”.

1 Il generale (1926)

Buster Keaton nel gen.
Buster Keaton nel gen. Foto: Archivio Holton/Getty Images

Il cinema è stato associato ai viaggi in treno da quando i fratelli Lumiere hanno proiettato il loro film di 45 secondi del 1895 su un treno in arrivo a La Ciotat. È incredibile pensare che solo 30 anni dopo, Buster Keaton abbia iniziato a lavorare alla sua sofisticata (e molto divertente) commedia muta sulla guerra civile. Keaton interpreta un macchinista tollerante che fa del suo meglio per salvare due cose dal suo affetto – il suo motore e la sua ragazza (Marion Mack) – quando vengono entrambi rapiti. I momenti salienti richiederebbero una lista dei primi 20, ma vale la pena notare la scena straordinaria in cui Keaton sale su un treno in movimento fuori dalla portata del cannone che rimbomba lungo i binari dietro di lui con la sua miccia sfrigolante, o le riprese di interi eserciti che marciano attraverso la campagna nei panni di Keaton taglia la legna ignaramente sul treno davanti. Un film che riesce comunque a non far balbettare gli spettatori in soggezione.