Trump ha approvato la reginetta di bellezza trans prima che uscisse completamente

Illustrazione di Thomas Levinson/The Daily Beast/Getty Images/Reuters

Mentre il GOP intensifica la sua guerra alla comunità transgender, i repubblicani potrebbero voler prendere in considerazione una decisione rivoluzionaria presa dal loro leader de facto dieci anni fa, quando Donald Trump ha riscritto le regole al concorso di Miss Universo in modo che le donne trans potessero competere.

Naturalmente, come molte delle decisioni di Trump, anche questa è piena di dispetto e forse di favoritismo familiare.

Dieci anni fa, nell’aprile 2012, Trump è diventato per breve tempo una sorta di icona LGBTQ – anche se paradossale e profondamente imperfetto – quando ha annullato unilateralmente le regole del suo concorso di bellezza per consentire alla modella 23enne Gina Talakova di competere per il titolo di Miss Canada.

Fox News e i regimi di alt-right hanno lasciato la divisione Fox Trans Teen

La mossa ha attirato l’attenzione dei media di tutto il mondo, mettendo Trump al centro di un dibattito in cui a volte è apparso a disagio e sputando una serie di insulti bigotti contro le persone transgender. Tuttavia, in numerosi post, video e interviste sui social media, Trump ha fatto riferimento instancabilmente a Talakova con i suoi pronomi preferiti “lei” e “lei”.

In un vlog pubblicato il 4 aprile 2012, Trump ha dichiarato: “L’abbiamo fatta entrare. Vedremo cosa succede. Forse se la caverà bene, forse no. Sarà molto interessante vedere cosa succede. Se per qualche motivo deve vincere, tutti lo vogliono.” Diventa Miss Universo. Non credo che sarà facile.” (Il video da allora è stato reso privato, ma è archiviato qui.)

Real Estate Barron ha affermato di aver basato la sua decisione sulle leggi sia del Canada che degli Stati Uniti, che ha descritto come “molto chiare”.

Quando l’altra Miss Canada canadese si è dimessa per protesta, Trump ha scaricato l’abbandono.

“Soffre di qualcosa chiamato rimorso del perdente”, ha detto. “Se lo guardi rispetto alle persone che erano tra i primi 15, capirai perché non aveva i primi 15”.

Talakova, che ha iniziato la terapia ormonale all’età di 14 anni e ha subito un intervento chirurgico per confermare il suo sesso cinque anni dopo, è stata identificata come una donna su documenti rilasciati dal governo, compreso il suo certificato di nascita.

Poco dopo, a seguito delle discussioni tra il concorso e il gruppo di difesa dei diritti dei gay GLAAD, Miss Universo ha revocato il suo requisito di “donna nata naturalmente”.

Ma la Trump Organization non è diventata improvvisamente la portabandiera della comunità transgender. Michael Cohen, all’epoca avvocato personale di Trump, spiegò in una dichiarazione iniziale che “nessuno si arrende” e lo stesso Trump in seguito avanzò una teoria del complotto irrazionale e fanatica sulla candidatura di Talakova.

Donald Trump Jr prende in giro i diritti dei trans, il movimento #MeToo del CPAC

Ma in una successiva dichiarazione a nome della Trump Organization, Cohen ha affermato che Trump “ha agito in modo rapido e appropriato” e che “le regole della competizione sono state aggiornate per garantire che questo tipo di problema non si ripeta”.

“Speriamo che Jenna possa ora concentrarsi sulla preparazione per la prossima competizione. Come tutti i concorrenti, il signor Trump augura a Jenna il meglio per la sua ricerca della corona.

Talackova alla fine perse il concorso di Miss Canada, ma fu chiamata “Miss Congeniality”.

Nonostante l’attenzione dei media e il significato culturale dell’epoca, Trump – che un tempo affermò di “non importa molto” se Talakova avesse vinto – sembrava più preoccupato di superare in astuzia i vecchi rivali.

Uno di loro avrebbe potuto essere il presidente Barack Obama, che Trump stava criticando all’epoca per la sua politica energetica in particolare riguardo al Canada. L’altro avvocato era l’avvocato di Talakova, la controversa avvocato per i diritti delle donne Gloria Allred, che, come Trump, è nota per l’attenzione dei media nei suoi casi.

Presto, Allred ha esercitato pressioni pubbliche su Trump non solo per consentire al suo cliente di competere, ma per apportare un cambiamento radicale e abolire completamente la regola del concorso. Trump lo ha fatto, ma ha fatto del suo meglio per dire al mondo che Allred non aveva nulla a che fare con lui, il tutto mentre lanciava insulti misogini e odio, non a Talakova, ma al suo avvocato.

Trump ha twittato il 9 aprile: “Ho preso la decisione di consentire a Gina Talakova di competere in Miss Universo Canada due giorni prima di Gloria Allred”. Spero che Gina non paghi a Gloria un compenso diverso da tutta la pubblicità gratuita che Gloria ottiene senza motivo. Gloria fa davvero del male a Gina – non faccio niente per Gloria, che secondo me è un avvocato di terz’ordine. Gloria è un uomo o una donna??? —- Pochi uomini conoscono la risposta a questa domanda.

Uno dei successi di Trump all’Allred è stato ribadito dalla presidente di Miss Universo Paula Shugart nella sua stessa dichiarazione.

“Vogliamo prenderci il merito dove il credito è dovuto e la decisione di includere le donne transgender nei nostri concorsi di bellezza è il risultato delle nostre discussioni in corso con GLAAD e non la rappresentanza legale di Jenna, che semmai ritarda il processo”, si legge nella dichiarazione.

Ma Trump ha trattato Talakova non meglio di Allred.

In un’intervista in prima serata alla ABC News 20/20, Trump ha sparato alla sua rivale, con il pretesto di una misteriosa cospirazione sul suo genere.

Questi paesi possono vietare agli adolescenti transgender di accedere all’assistenza sanitaria e allo sport

“Ho guardato il suo nome e qualcuno mi ha detto questo: ‘Jennatal’, queste sono le sue iniziali”, ha detto Trump alla conduttrice Barbara Walters. Ripeti “è gintal”.

A titolo illustrativo, Trump ha scritto le lettere “JENNATAL” su un pezzo di carta bianca, che ha sollevato davanti alla telecamera.

“E mi dico, Hmmm, questo è strano. Potrebbe esserci un ulteriore motivo?”

Il giorno successivo, ha raddoppiato un post su Twitter a lungo formattato, chiedendo se c’era “qualcosa di strano sta succedendo qui”.

Trump non ha menzionato quale potrebbe essere il “secondo motivo” e la teoria non ha davvero senso.

Un’altra teoria potrebbe reggere meglio: il favoritismo.

Si scopre che Talakova è molto simile a Ivanka Trump, la figlia di Trump.

Le somiglianze sono notate nei meme e Attraverso i social.

“Oh mio Dio! Queste due modelle avrebbero potuto essere #positivamente #sorelle gemelle! Puoi dirlo a Ivanka Trump da Gina Talakova?”, ha chiesto Model Gateway su Facebook.

Il confronto non è sfuggito a Katie Couric, che ha parlato con Trump della questione su Good Morning America. lei cinguettare“Pensavo che Gina Talakova fosse carina e somigliasse un po’ a Ivanka Trump. Cosa ne pensi di tutta questa controversia?” (GMA ritwittare il suo post.)

Sebbene Talackova non abbia vinto il titolo di Miss Canada, la sua lotta ha aperto la strada ad altre donne transgender. Sei anni dopo, Angela Pons vinse il titolo di Miss Spagna, diventando la prima concorrente al concorso di Miss Universo. L’anno scorso, Catalona Enriquez (Miss Nevada) è diventata la prima candidata transgender a qualificarsi per il concorso Miss USA, trampolino di lancio per Miss Universo.

Trump ha sfoggiato i “grandi” ucraini al concorso di Miss Universo nel primo invito di Zelensky

Ma Trump ha rotto dall’altra parte.

Alcune delle prime azioni della sua amministrazione hanno preso di mira la comunità transgender, come il blocco delle linee guida federali sulla protezione degli studenti transgender ai sensi dell’Atto IX, l’abbandono di una sfida legale contro la legislazione anti-transgender nella Carolina del Nord e, peggio ancora, l’annuncio nel luglio 2017, twittando che ” il governo degli Stati Uniti non accetterà né consentirà a persone transgender di prestare servizio a qualsiasi titolo nelle forze armate statunitensi”. I colpi hanno continuato a manifestarsi fino al 2020, quando l’amministrazione ha annullato le regole dell’era Obama che avevano protetto i senzatetto transgender dalla discriminazione quando facevano domanda di rifugio.

Lo scorso gennaio, Trump si è impegnato a vietare alle donne transgender di esercitare se vengono rielette nel 2024. Sebbene non sia chiaro come avrebbe portato a termine quella minaccia come presidente, trenta legislature repubblicane statali hanno preso in considerazione progetti di legge per farlo lo scorso anno; Finora, 18 stati lo hanno approvato.

L’estremismo anti-transgender si è intensificato nelle principali arterie repubblicane come Florida e Texas, dove i genitori di bambini transgender ora temono per la sicurezza delle loro famiglie. I governatori di entrambi gli stati si sono mossi per rifiutare la sponsorizzazione dell’affermazione di genere per i giovani che vogliono convertirsi e i leader repubblicani del Texas la vedono come una “causa vincente”.

Il movimento retrò contrasta con lo spirito nell’aria dopo che Trump ha invertito Miss Universo.

Dopo discussioni di successo con l’Organizzazione Trump e la Regina, il gruppo di difesa GLAAD ha rilasciato una dichiarazione che celebra il passo avanti.

“In un momento in cui alle persone transgender viene ancora regolarmente negato un uguale accesso all’alloggio, al lavoro e alle cure mediche, la decisione odierna è in linea con i crescenti livelli di sostegno pubblico per le persone transgender in tutto il paese”, afferma la dichiarazione.

L’anno scorso, un giudice federale ha ribaltato questi progressi, stabilendo che i concorsi potrebbero, in effetti, vietare i partecipanti che non erano “innatamente donne”.

Leggi di più su The Daily Beast.

Ricevi i più grandi scoop e scandali dal Daily Beast direttamente nella tua casella di posta. Apri un conto adesso.

Tieniti informato e ottieni accesso illimitato agli impareggiabili reportage di The Daily Beast. Iscriviti ora.