Rompere Lori Harvey contro Kim Kardashian con un avvocato specializzato in marchi

A questo punto, probabilmente hai visto la frenesia dei social media che circonda la presentazione della nuova avventura di bellezza di Kim Kardashian, SKKN BY KIM.

“Sono così orgoglioso di questa linea di prodotti: non solo sono efficaci, puliti, supportati dalla scienza e formulati per tutti i tipi di pelle, ma portano un’esperienza spa direttamente a casa tua”, ha scritto Kim in una didascalia. .

A partire dalle 12:00 di martedì, la linea di prodotti in nove fasi è stata finalmente resa disponibile per l’acquisto da parte dei consumatori.

Il magnate ha continuato a condividere la sua eccitazione per il lancio del prodotto, entusiasta del “ingredienti ricercati”, “formule clinicamente provate” e “sacchetti e ricariche kraft compostabili realizzati con materiali riciclati”.

Ma questi punti salienti non hanno impedito ai social media di rimbalzare sull’intera linea di prodotti e di confrontarla con altri attualmente disponibili, tra cui SKN di Lori Harvey di LH, DEZI SKIN di Desi Perkin e SKKN+.

L’host, Shyneika Taylor, si è rivolta a Instagram per condividere la reazione collettiva degli utenti dei social media.

“Anche se tutti sono così eccitati, non sono nemmeno impressionata e ti dirò perché”, ha detto. “Perché l’anno scorso, il 18 ottobre, Lori Harvey ha definitivamente lanciato SKN di LH. E so già cosa diranno alcuni di voi: ‘Oh, è diverso. È una coincidenza. Non è lo stesso.

“Chiudi il becco”, ha continuato. “Chiunque abbia un cervello completamente sviluppato e un paio di bulbi oculari funzionanti può vedere chiaramente che SKN e SKKN sono la stessa cosa! Questo è plagio! La sorella ha appena aggiunto una ‘K’ e l’ha chiamata un giorno!

Gli utenti dei social media hanno anche chiamato SKKN BY KIM per il suo packaging che ha una sorprendente somiglianza con la collezione nei toni del blu di Lori Harvey, così come la linea ispirata alla pietra di Dezi Perkins.

La Kardashian è stata anche colpita con un cessate e desistere dal fondatore di SKKN+ Cydnie Lunsford.

Per analizzare ulteriormente queste potenziali violazioni dei marchi, abbiamo contattato uno dei migliori avvocati dei marchi della nazione, Rosezena J. Pierce, per la sua opinione.

Pierce è diventato noto come “The Biz Lawyer”, con quasi dieci anni di esperienza nel mondo dei marchi. È anche fondatrice e CEO di RJ Pierce Legal Group,computer, uno studio legale specializzato in servizi di branding all’avanguardia. Pierce si è anche classificato al 32° posto su 33.000 avvocati di marchi a livello nazionale. E la sua azienda è stata classificata n. 37 su 28.000 società di marchi nel paese.

“Ecco perché diciamo ai clienti di ottenere un nome distintivo [for their brand or business]”, ha condiviso. “Più è distintivo, meglio è.

“[With both] è davvero una rappresentazione della parola “pelle”. E ci sono due cose qui, non solo il nome non è davvero distintivo, ma è più descrittivo”, ha spiegato. “Ma anche per entrambi, ci sono precedenti proprietari che possiedono i termini (skin, skn, skkn). Quindi Lori e Kim potrebbero anche avere altri problemi con altre parti che nessuno menziona nemmeno, dal momento che possiedono la registrazione di quei marchi.

Qui, Pierce si riferisce allo studio di cura della pelle con sede a Brooklyn SKKN+, che in realtà ha registrato il marchio “SKKN+” giorni prima di Kim Kardashian.

Secondo Pagina Sei“Dopo il trucco Mogul depositato sia SKKN che SKKN da KIMil suo team legale ha ricevuto una lettera di cessazione e desistenza da Beauty Concepts LLC, in cui si afferma di aver già bloccato il soprannome per i servizi di salone, cura della pelle e spa.

In una lettera ottenuta da PageSix Style, Lunsford ha affermato di gestire saloni con il marchio SKKN+ dal 2018. E non ha mollato la sua battaglia.

Il fondatore di SKKN+ sta ora spingendo Kardashian a rinunciare completamente al suo marchio, dicendo che un nome simile confonderà i consumatori.

“Nella violazione del marchio, vuoi sempre guardare cose diverse per determinare se c’è un rischio di confusione”, afferma Pierce.

Mentre il marchio di Kim, SKKN BY KIM, potrebbe essere in discussione nella sua battaglia con il fondatore di SKKN+. Alla fine saranno il design e il packaging a essere messi in discussione nel caso Harvey.

“La confezione del prodotto di Lori è di un blu distintivo, mentre il prodotto di Kim è più terroso. Ma le bottiglie hanno un aspetto e una sensazione simili, ed è questo che all’inizio ha disgustato le persone”, ha spiegato Pierce.

“C’è anche una parte in cui puoi confonderti perché [the similarities may lead you to think] che un marchio sponsorizza l’altro marchio”, ha spiegato Pierce. “E se confronti i due, alcuni potrebbero dire che pensano che quello di Lori sia più per il marchio generale e quello di Kim sia più per la pelle sensibile”.

“Quindi dipende davvero da come si forma l’opinione pubblica sui due marchi. E sulla base dell’opinione pubblica già, molte persone pensano che sia già confuso”, ha spiegato Pierce.

Quando è stato chiesto la sua opinione personale su come potrebbe andare a finire questo caso, Pierce ha affermato che SKKN BY KIM potrebbe effettivamente avere una possibilità in un confronto con SKKN +.

Poiché SKKN+ ha dichiarato chiaramente l’uso e l’impiego dei Servizi per la cura della pelle, SKKN BY KIM sarà lasciato operare in altre aree che non possono violare o includere questa area di utilizzo.

Per quanto riguarda la posizione di SKKN BY KIM contro SKN By LH, Pierce ritiene che la decisione possa essere a favore di entrambi i marchi.

“Penso che avranno delle sfide perché il nome dominante è ‘pelle’ e non è distintivo di per sé”, ha spiegato. “Potrebbero esserci argomenti sulla confezione, ma anche la confezione è in diversi colori”.

“In definitiva, consiglierei l’uso di un accordo di convivenza. È una delle cose migliori da usare nel diritto dei marchi”, ha spiegato. “Questi sono davvero come accordi transattivi, ma determinano anche come i leader del marchio si governeranno sul mercato per garantire che non ci sia confusione tra i due marchi”.

Pierce crede che finché ogni produttore di prodotti per la cura della pelle continua a enfatizzare chiaramente “By KIM” e “By LH” nei loro marchi, non dovrebbero esserci problemi di convivenza nella loro vita. .

“Aiuterà a educare i consumatori a sapere che si tratta di due marchi diversi provenienti da due fonti diverse, che è davvero lo scopo principale del marchio”, ha spiegato. “Vogliamo che i nostri consumatori sappiano esattamente da chi ottengono i loro prodotti e servizi”.

Lori Harvey e Desi Perkins devono ancora condividere pubblicamente i loro pensieri sulle somiglianze di SKKN BY KIM con le rispettive linee di cura della pelle.

Assicurati di seguire Rosezena J. Pierce su Instagram @TheBizAvvocatodove condivide suggerimenti e contenuti educativi per consentire agli imprenditori di capire tutto ciò che devono sapere sui marchi e altro ancora!