Scopri la casa in Normandia di Christian Dior – 21/06/2022 10:45


Scopri la casa in cui Christian Dior ha trascorso la sua infanzia. Credito immagine: screenshot di Instagram @ c.ecile87

Christian Dior ha trascorso la sua infanzia a Granville, nella contea di Manch. Villa Les Rhumbs, riconoscibile per il suo guscio rosa cipria, è stata fonte di ispirazione per tutta la sua carriera. Aperto al pubblico dal 1997, è uno dei rari musei interamente dedicati a uno stilista.

Les Rhumbs, villa anglo-normanna con vista mare

Scopri la casa in cui Christian Dior ha trascorso la sua infanzia.  Credito immagine: http://musee-dior-granville.com/

Scopri la casa in cui Christian Dior ha trascorso la sua infanzia. Credito immagine: http://musee-dior-granville.com/

Villa “Les Rhumbs” fu costruita alla fine dell’ottocento dal Sig. Beust, proprietario della nave, e il suo nome deve il suo nome al termine nautico riferito alle trentadue fasce della rosa del vento. Questo simbolo compare anche in un mosaico sul pavimento dell’ingresso. La costruzione in stile anglo-normanno, caratteristico di quel periodo, offre una vista mozzafiato sul mare. Nelle giornate limpide si possono vedere le isole Chaosi e persino Jersey.

Maurice Dior acquistò la casa nel 1906. Sua moglie, che si innamorò del luogo, lo incoraggiò. Christian Dior vi trascorse i primi cinque anni della sua vita e poi andò in vacanza. La famiglia vi si rifugiò anche durante la prima guerra mondiale. Per due anni, sua madre, Madeleine, ha supervisionato il cantiere di ristrutturazione dentro e fuori. Tonnellate di terreno sciolto vengono introdotte per trasformare il sito di un ettaro in un parco in stile inglese, completo di pergola, specchio d’acqua e splendido roseto. Hanno aggiunto la veranda, destinata ad ospitare un giardino d’inverno, oltre a due bovindo al primo piano per aprire la casa sul giardino.

Devastato dalla crisi del 1929, Maurice Dior mise in vendita la villa nel 1932, poco dopo la morte della moglie. La proprietà fu acquistata dal comune di Granville e trasformata in parco pubblico nel 1938. Fortunatamente il progetto di demolire l’edificio per installare un laghetto non vedrà mai la luce. Sotto l’impulso di Jean-Luc Dufresne, cugino di Christian Dior, la sede è stata trasformata in un museo nel 1997. Nel 2012 è stata nominata “Maison des Illustres” dal Ministero della Cultura.

Cappelli Dior: un copricapo sotto i riflettori di una mostra

Nella stagione 2022, il Musée de Granville dedica la sua mostra temporanea all’arte del cappello. 200 copricapi interagiscono con abiti, pubblicità e fotografie per illustrare più di 70 anni di innovazione Dior, dal 1947 al 2020. Il cappello è stato a lungo considerato dallo stilista un accessorio essenziale per la toelettatura femminile. “Si complimenta e, in un certo senso, è il modo migliore per esprimere la tua personalità”, dice

Piccolo dizionario di moda

. La mostra esplora le creazioni che Christian Dior ha immaginato all’inizio della sua carriera, prima di concentrarsi sui suoi successori, da Yves Saint Laurent e John Galliano al britannico Stephen Jones, direttore creativo dei cappelli Dior per 25 anni.

Granville, una delle principali fonti di ispirazione per gli stilisti

Villa de Granville è stata una delle principali fonti di ispirazione per il designer nel corso della sua carriera. “La casa della mia infanzia… conservo i ricordi più belli. Cosa ho detto?” Christian Dior scrisse nella sua autobiografia pubblicata nel 1956. Poco dopo, ricorda: “Il mio stile di vita doveva quasi tutto alla sua posizione e architettura. “, e questi due colori sono rimasti. Sono il mio colore preferito nella couture.” Per tutta la vita non ha mai smesso di perpetuare lo spirito di Granville attraverso i colori ma anche i profumi, a cominciare dalle rose la sua passione gli è stata trasmessa dalla madre.

Ancora oggi il luogo è fonte di ispirazione per la celebre casa, come il profumo

Granville

Con estratti di pino, timo e rosmarino. François Demachy, profumiere di Dior, spiega che questo succo “non è solo aromatico, perché la proprietà è piena di pini, ma anche molto vivace e molto fresco. Tempeste e onde che colpiscono costantemente la roccia … La natura, a Granville, non è calma Questa fragranza è Dal vento che soffia lì.

Dior Cheval Blanc Spa, un luogo d’eccezione nella capitale

massaggio da

120 euro

per 30 minuti.

Trattamento distinto da

220 euro

per 1 ora.

Situata nel cuore della nuova Samaritaine, la Dior Spa è stata progettata dal designer Peter Marino nello spirito di un appartamento parigino. Un vero invito al lusso, le sei suite aprono le porte a universi unici. La Granville Cabin ti trasporta nel giardino di una casa d’infanzia di design, dove puoi rilassarti e ascoltare il suono delle onde che si infrangono sulle rocce sottostanti. Senza dubbio uno dei luoghi più affascinanti della capitale.

Il Museo Christian Dior è aperto dal 14 maggio al 30 ottobre

Indirizzo: Villa Les Rhumbs, rue d’Estouteville, 50400 Granville

prezzo pieno:

9 euro

prezzo scontato:

7 euro

. Gratuito per i bambini sotto i 12 anni.

Il giardino è ad accesso libero tutto l’anno.

Leggi anche:

Scopri Villa Florence, una casa del valore di 165 milioni di dollari

Villa Leopolda: uno degli immobili più costosi di Francia

Il castello di Miraval, di proprietà di Brad Pitt nel Var