Quando la Milano Design Week 2022 chiama… Moda

Quando Marni, Ralph Lauren, Missoni e gli altri si invitano a MilanoNon è sempre il momento della Fashion Week. In occasione della Milano Design Week 2022, i brand del prêt-à-porter si sono stabiliti nel capoluogo lombardo per presentare le loro ultime collezioni di arredamento e arredamento. Del resto, che si tratti di mobili o vestiti, tutta la creatività è frutto di un designer…

Alcuni sono in questo settore da anni. Altri, nonostante la loro esperienza e reputazione, si imbarcano timidamente in questo campo. Dai piccoli oggetti decorativi ai mobili viventi e alle tecniche mutuate dalle arti ancestrali, i marchi di moda sono più che mai interessati al mondo del design. Questione di mescolare i generi? Abolendo i confini del mondo lo chiamiamo ora Stile di vita? In ogni caso, Ready-to-Wear cerca di espandere la sua visione al cuore della casa. Sei prove a Milano.


Missoni assume un nuovo art director interno

Dopo aver affiancato Angela Missoni nel mondo della moda per quasi 25 anniAlberto Calleri si occupa della visione Pagina iniziale Dal manifesto italiano. Meno per rinnovare l’universo Piuttosto che creare un vero “stile di vita” per Missoni, afferma: ” Una parte dei miei team di moda ora mi accompagna in questa nuova avventura per creare continuità con ciò che creiamo da un quarto di secolo. Così, se perpetua uno stile già molto apprezzato negli interni eleganti, in particolare per quanto riguarda i tessuti, allora durante la Milano Design Week 2022 il designer italiano ha presentato una scenografia impressionante, emblematica della sua visione per la casa Missoni.

In uno spazio appena arredato, fiancheggiato solo da specchiere e da un viottolo pavimentato multicolore sul pavimento, un coniglio ma anche un orsacchiotto e una tartaruga hanno interpretato i protagonisti XXL. Missoni

Quindi è stato il fratello dei peluche giganti ad accogliere i visitatori.. Gonfiabile e comodo, questo adorabile personaggio giocattolo per bambini non è stato selezionato a caso da Alberto Calleri: Dopo questi due anni di pandemia, penso che tutti abbiano bisogno di dolcezza in casa. Tutto il mio gruppo ruota attorno a questo asse. E cosa c’è di meglio del velluto XXL per la sua incarnazione? Le bambole stavano già scivolando nella mia ultima sfilata Per la sua prima collezione, il designer ha decorato l’essenziale per la casa con nuovi tessuti della sua precedente collezione di prêt-à-porter, con l’idea della filiazione, ma ha anche ridisegnato alcuni modelli (pantofole e poltrone) in una versione più comoda, realizzata in particolare da Terry.


LOEWE celebra l’arte dei cestini

Dopo due anni di assenza, LOEWE ha scelto il cortile interno di Palazzo Isimbardi per presentare la mostra “Weave, Restore, Renew”. L’artigianato era al centro dell’attenzione: sugli scaffali, 240 cesti dai quattro angoli del mondo e riparati da artigiani spagnoli ricordano che hanno diritto a una seconda vita, nello spirito di Kintsugi Giapponese.

Tessitura Installazione, Restauro, Ristrutturazione di LOEWE

Tessitura Installazione, Restauro, Ristrutturazione di LOEWE Louie

Dall’ingresso, però, tutti gli occhi sono stati avvistati Con pregiati cappotti di paglia, canne ed eriche, realizzati con la tecnica della corosa galiziana. Possiamo quasi vedere i connazionali irlandesi che il fotografo Charles Friger sta immortalando. Infine, Young Soon Lee, finalista del Craft Prize 2019, ha presentato una serie di borse a secchiello in carta intrecciata, ispirate alla tecnica jitseung coreana. Installazione di classe! – Risorse umane


Dior pubblica Philippe Starck

L’anno scorso, Dior ha impressionato con la sua scenografia teatrale. Diciassette designer, dall’India Mahdavi alla francese Constance Guisset passando per il duo Dimorestudio, hanno contribuito a reinventare l’illustre sedia Medallion. Questa icona di stile Luigi XVI, che Christian Dior ha scelto dalla sua fondazione per ospitare i suoi ospiti durante le sue sfilate, è stata rinnovata anche quest’anno da un’icona nazionale: Philippe Starck.

In occasione del Salone del Mobile 2022, Dior Maison invita Philippe Starck a reinterpretare la sedia Médaillon.

In occasione del Salone del Mobile 2022, Dior Maison invita Philippe Starck a reinterpretare la sedia Médaillon. Adriano Diran

La famiglia Médaillon 2021 combina edizioni uniche. La versione presentata durante la Milano Design Week 2022 sarà prodotta in serie. Il primo del genere in casa 30 rue Montaigne, più esperta nella pratica dell’alta moda che nell’edizione di mobili. Tuttavia, con l’aiuto di Philippe Starck, che non mancava di idee e sorprese, il marchio si cimentò per la prima volta nella creazione e commercializzazione di una sedia che a fine anno non sarebbe stata in vendita solo da una manciata di negozi e su richiesta. “Miss Dior”, così si chiama, sarà l’inizio di una nuova storia per la casa parigina?


Il Stile di vita Secondo Ralph Lauren

Ralph Lauren, da quando ha creato la sua casa nel 1967, imporre la sua visione dello stile. polo, camicie a righe, cappelli o semplicemente per parlare di cose; Cowboy, Annie Hall, grandi mazzi di rose bianche e Abbigliamento sportivo eleganza. Più in sintonia con i tempi, l’ottuagenario continua la missione di annunciare il buon gusto attraverso il canale, una missione che si è riversata nel mondo domestico nel 1983. Biancheria, oggetti decorativi, stoviglie e ora mobili: ogni genere è indirizzato.

Per la prima volta durante la Milano Design Week 2022, Ralph Lauren ha aperto le porte di Palazzo Milano.

Per la prima volta durante la Milano Design Week 2022, Ralph Lauren ha aperto le porte di Palazzo Milano. Virgilio Jennard

Se trovare nuove collezioni Ralph Lauren non è una novità Durante le settimane del design, è proprio a Milano che la svolta. Installato a Palazzo Ralph Lauren, sede del brand, le scenografie di presentazione del prodotto sono state accompagnate dall’effimero ristorante. Riservato agli ospiti, ha comunque determinato la volontà di distribuzione del marchio americano Stile di vita. Una parola a volte abusata, assume il suo pieno significato in Ralph Lauren, che trasmette in modo naturale sogno americano. Allora perché non continuare l’avventura con più negozi oltre ai ristoranti? Questo è già il caso a Parigi con Ralph. Il Milan sembra dare il tono al suo futuro…


Marni svela il suo nuovo pioniere durante la Milano Design Week 2022

Il fatto che Marni abbia preferito il Salone del Mobile alla Fashion Week Aprire le porte del suo nuovo tempio è un grande simbolo. La sua spiegazione è ovvia: nonostante sia un negozio di moda, il titolo stupisce innanzitutto per la sua architettura d’interni. Progettata dal Direttore Creativo Francesco Risso in collaborazione con il team di ingegneri interni del marchio, questa configurazione ridefinisce i codici di vendita al dettaglio a favore del percorso del cliente.

I pavimenti completamente in moquette sono circondati da pareti a specchio ricoperte da piastrelle di ceramica a specchio argento smussate, che creano un contrasto di durezza e rifrazione.

I pavimenti completamente in moquette sono circondati da pareti a specchio ricoperte da piastrelle di ceramica a specchio argento smussate, che creano un contrasto di durezza e rifrazione. Marni

Lo spazio dipende da un preciso vocabolario di elementi architettonici. Mentre l’effetto specchio è ovunque, creando più angoli di visione, il colore sta prendendo una nuova direzione qui. In una netta rottura rispetto ai progetti precedenti, è stata introdotta come unico colore un’iconica tonalità di blu ultra. Con l’introduzione di questo nuovo concept di negozio, Marni sottolinea il desiderio di ridefinire l’esperienza dello shopping di lusso, sottolineando nuovamente il marchio come un parco giochi creativo.


Living Big di Toogood e Carhartt WIP

Era Spazio Maiucci, quest’anno, teatro di molte delle mostre più interessanti. In combinazione con gli hack più venduti di Rimowa, The Original Suitcase e Cinema Tacchini, era impossibile ignorare queste bambole XXL che sembrano fare il giro dello spazio Carhartt WIP. Con le estremità del cartone vestite con i colori principali della casa, ha naturalmente attirato l’attenzione… e la curiosità. Frutto di una recente collaborazione tra la stilista britannica Faye Tugood e un marchio dalla mentalità skater, queste bambole giganti hanno fatto il viaggio da Londra, dove hanno presentato per la prima volta la collezione.

La suite Toogood x Carhartt WIP è già disponibile sui siti web di entrambi i marchi.

La suite Toogood x Carhartt WIP è già disponibile sui siti web di entrambi i marchi.

Questa capsule unisex contiene due giacche, camicia, pantaloni, t-shirt e tuta. Disegnato dal designer britannico noto per il minimalismo, RE-CUT celebra il tortora e il bianco, due colori ormai sinonimo di Carhartt. Così, il matrimonio di due modelli assertivi, spiega Erica Tugood, co-fondatrice dello studio: Carhartt WIP ci ha dato il permesso di tagliare e rimodellare i loro prodotti distintivi e avvicinarli a Toogood, una vestibilità più scultorea. La combinazione del nostro stile e dei nostri tagli ha dato vita a una collezione di cui siamo tutti orgogliosi, risultando in un prodotto accessibile, durevole e iconico. »


Guarda anche la nostra recensione video di queste mega installazioni qui…