Trama di Sherwood: Episodio Quattro – Abbiamo trovato i nostri Keats? | TV e radio

Attenzione: questo feed è per coloro che hanno guardato fino all’episodio 4 di Sherwood su BBC One.

Due fughe dal bosco, una riconciliazione sorella e diversi ruoli di spionaggio. Ecco i dettagli del quarto episodio…

Tre giocatori di golf, una buca in uno

Un arciere canaglia potrebbe pensare che il golf sia una “buona uscita viziata”. Stiamo iniziando con l’ultimo attacco con la freccia, questa volta su un gruppo di tre persone che desiderano un pugno, incluso Jacob Harris (Don Gillett), marito della preside della scuola locale Jenny (Nadine Marshall). Il primo proiettile ha colpito la borsa di Jacob. Il secondo virò fuori dal suo carro e trafisse lo stomaco della donna d’affari Amy Whitstable (Kelly Harrison). Mentre si scioglieva di nuovo tra gli alberi, Scott Rowley (Adam Hoegel) sembrava frustrato.

Possibile obiettivo? …Jacob Harris (Don Gillette). Foto: Matt Squire/BBC/House Productions

Amy è sopravvissuta alle ferite riportate, ma la polizia ha ipotizzato che lo scivoloso ex poliziotto Jacob fosse il probabile obiettivo, esponendo nel frattempo il fatto imbarazzante che lui e Amy avevano una relazione. L’amore perduto di Jenny, de Kevin Salisbury (Robert Glennister), non riesce a nascondere la sua soddisfazione. Se Scott sta cercando la spia incorporata nella comunità, Salisbury dice al DCS Ian St Clair (David Morrissey) che devono prima farsi avanti e trovarli. Hanno portato lavagne bianche e serate a tarda notte.

“Siamo la capitale della polizia di tutto il Paese”

Anche il macchinista Andy Fisher (Adele Akhtar) era un fuggitivo nei boschi, ma in netto contrasto con il sopravvissuto mascherato Scott, era terrorizzato, disarmato e mal equipaggiato. Ora sapendo che suo padre aveva ucciso la sua nuova moglie, Neil (Pali Gil) ha implorato la polizia di catturare suo padre vivo: “Lo odio ma per favore non ucciderlo… Voglio guardarlo negli occhi e chiedere perché.”

Con due assassini nascosti in una fitta foresta e in una vasta area di ricerca, la polizia locale ha arruolato rinforzi dal Met per aiutare in una delle più grandi caccia all’uomo mai realizzate nel Regno Unito. Mentre gli autobus degli ufficiali vestiti di nero percorrevano le strade di Ashfield, gli autobus riportavano alla mente amari ricordi del 1984. Con la città già divisa in ebollizione, le cose minacciavano di ribollire.

Gli uccelli cinguettavano a vicenda

L’atmosfera è stata caricata anche nella fattoria del quartier generale del clan criminale locale. Non solo Scott si è allenato al poligono di tiro, ma Rory Sparrow (Perry Fitzpatrick) gli ha insegnato l’hacking del computer, oltre a fornirgli hardware e virus. Quando il padre di Topolino (Philip Jackson) si rese conto che poteva essere fatta risalire ai passeri, quello che lei chiama non era felice.

Nel frattempo, la moglie Daphne (Lauren Ashburn) scopre la storia della storia d’amore segreta tra il figlio minore Ronan (Bill Jones) e Cenerentola Jackson (Safiya Oakley Green). La madre senza fronzoli fa visita alla nonna di Cindy Jolie (Leslie Manville), riferendosi a come una volta erano amiche, notando che entrambe le famiglie erano disadattate: truffatori loschi e “aggressori arrabbiati in una città crivellata di scabbia”. Dopo aver dato la sua benedizione alla giovane coppia, ha lasciato la palla in un proiettile che ha colpito il campo di Julie. Ho anche apprezzato il dettaglio occasionale che la famigerata Daphne fosse una preside di una scuola.

La riunione della sorella fu un raggio di luce

Fred Rowley (Kevin Doyle) e sua moglie Kathy (Claire Rushbrook) bussano improvvisamente alla porta dalla sorella di Kathy, Julie. La scena del Garden Wall nell’episodio III rappresentava una parziale riconciliazione. Ora hanno provvisoriamente fatto un passo avanti.

Jolie ha detto loro come il loro figlio Scott “è venuto a casa mia per giocare con le nostre teste”, ma ha ammesso che era “strano per noi affrontare tutto questo da soli”. Il cauto trio si è seduto insieme per condividere una bottiglia di vino. Forse qualcosa di buono può venire fuori da tutta questa tristezza.

Entra Lindsay Duncan

Jennifer Hill (Lindsey Duncan).
“Rompicapo a tutto tondo”… Jennifer Hill (Lindsey Duncan). Foto: Matt Squire/BBC/House Productions

Il nostro duo di investigatori ha incontrato Jennifer Hill (Lindsey Duncan): avvocato, attivista e “rompiscatole a tutto tondo”. Alimentata da caffeina e sigarette, questa forza della natura frenetica ha confermato che Scotland Yard aveva già incluso ufficiali nelle sue comunità minerarie. Ha spiegato che la Special Demonstration Squad (SDS) ha operato tra il 1968 e il 2008, accumulando 40 milioni di pagine di intelligence infiltrandosi in gruppi politici in stile Stasi. La controversia è stata smascherata a causa di cattiva condotta sessuale solo quando lo spionaggio ha stabilito relazioni con obiettivi, in alcuni casi avendo figli – ciò che le vittime hanno descritto come “stupro di stato”.

Hill ha detto alla polizia sbalordita di come il governo Thatcher avesse bisogno di uno sciopero nelle industrie nazionalizzate per aiutare a spostare il panorama politico lontano dal collettivismo e verso forze di mercato non regolamentate. Scelsero il carbone, provocarono deliberatamente la guerra e vinsero. Ha paragonato lo sciopero dei minatori a scandali della polizia come “Hillsborough, hackeraggio telefonico, Stephen Lawrence” e li ha esortati a continuare a cercare giustizia. Dopo quel discorso vivace, in un soffio di polvere di carbone, me ne sono andato.

È un piacere incontrarti quì

Parlando a se stesso e in uno stato mentale traballante – una devastante inversione di tendenza da parte di Adele Akhtar – Andy giura di costituirsi. Tuttavia, il suo percorso stava convergendo con i compagni fuggitivi. Quando Scott ha spiato due escursionisti, ha visto Andy intrufolarsi nel loro accampamento, mangiare i loro avanzi, ingoiare la loro acqua e rubare i loro telefoni cellulari. Quando è stato colto in flagrante dai turisti, il brutale Andy ha cercato di spaventarli, poi è fuggito. Hanno inseguito fino a quando Scott ha sparato un arco, consentendo ad Andy di scappare. ma perché?

Andy ha lasciato un messaggio confuso sulla sua segreteria telefonica, scusandosi per l’offesa accidentale e concludendo: “Voglio partecipare. Sono pronto ad affrontare le conseguenze”. A questo punto, Scott lo tirò fuori con la parte posteriore dell’arco e trascinò il corpo di Andy nella sua tana. Mentre aspettava che riprendesse conoscenza, la squadra di ricerca della polizia si è spenta. Tutti i fuorilegge usciranno vivi dalla giungla?

Il dispositivo spia era vicino a casa?

Fred Rowley (Kevin Doyle).
Sei tu? …Fred Rowley (Kevin Doyle). Foto: Matt Squire/BBC/House Productions

St Clair e Salisbury hanno utilmente esaminato la loro lista di potenziali spionaggio. Fred Rowley è stato trasferito ad Ashfield nel 1983. Scott avrebbe potuto uccidere Gary Jackson (Alon Armstrong) per impedire a suo padre di rivelare la maschera? Anche Jacob Harris arrivò in questo periodo, ma si allenò con St. Clair come ufficiale in uniforme, non come ufficiale sotto copertura. Anche Mickey Sparrow si è trasferito allora, ma ha deriso l’idea di essere un ex poliziotto.

Potrebbe essere Dean Simmons (Sean Gilder), il cui volto era visibile sulla pila? O Andy a cui Scott ha preso di mira il treno? Tuttavia, Andy è stato un residente del villaggio per tutta la vita e, come ha detto con precisione suo figlio Neil: “Non è abbastanza a suo agio nella sua pelle, per non parlare di qualcun altro”.

Improvvisamente appare una palla curva: la moglie di Ian, Helen (Claire Holman). Sua madre lavorava per il National Coal Board e la sua famiglia si trasferì ad Ashfield all’inizio degli anni ’80. Quando Salisbury ha digitato il nome di Helen nel database della polizia, il suo file è stato limitato. Nel transgenderismo, potresti essere la spia che ha avuto una relazione ed è rimasta? Sicuramente porterà a un colpo di scena.

Ciao, ciao, Ruby Platt.

Scott si intrufola nella casa di Jolie e cambia il nome sull’account Playstation di suo nipote in “Robbie Platt”, il nome sul taccuino di Gary. È apparso anche su un vecchio giornale intitolato “Festival della miniera sopraffatto dalla violenza”, la fatidica notte che si è conclusa con l’incendio e l’arresto ingiusto di Gary. Credendo che il Met avrebbe avuto risposte, Salisbury ha detto che era “il momento in cui ho guardato la mia forza negli occhi”.

Bill Rajat (Christopher Fairbank).
Splendidamente innaturale… Bill Rajat (Christopher Fairbank). Foto: Matt Squire/BBC/House Productions

Tornato a Londra, il commissario Charles Dawes (Babe Torrens) lo indirizza con riluttanza verso il pensionato DC Bill Raggett (Christopher Fairbank). Ora in una casa di cura e confinato su una sedia a rotelle con settimane di vita, Raggett era un personaggio meravigliosamente anormale. La sua unità ha assunto le identità dei bambini morti, da cui deriva “Ruby Platt”. Ce n’erano cinque, nomi in codice Wordsworth, Coleridge, Byron, Keats e Blake in onore dei poeti romantici. Raggett, alias Blake, inizialmente ha insistito sul fatto che avevano fatto il loro lavoro e se ne sono andati tutti nel 1984, ma quando è stato pressato, si rende conto che Keats è rimasto, mormorando: “Avrei dovuto vederlo. Sono stati un problema dall’inizio”. Nota che “loro” è senza sesso.

Quando Salisbury è uscito per rispondere a una chiamata, Raggett ha tirato fuori un telefono in fiamme, ha inviato un messaggio a quattro numeri “abbiamo portato rancore a uno di voi” e poi ha tirato fuori un revolver. Per un momento sembrò che potesse sparare a Salisbury, finché non puntò la pistola contro se stesso.

Per quanto riguarda quella telefonata? “De Salisbury? Sono Helen St. Clair. Mi stai cercando. Sai che il mio nome non è il mio. Penso che dovremmo parlare. “Swallow. Con due episodi rimasti, dovrebbero essercene di più. Ma wow, che sequenza definitiva.

riga della settimana

“Il problema è che non sbagliamo le cose. Le nasconde sotto il tappeto, rifiutandosi di dargli un’occhiata sanguinante e di imparare da loro” – la famosissima Jennifer Hill.

Note e note

  • Per una registrazione audio dei suoi ultimi momenti, Raggett fa scoppiare The Finger of Suspicion del cantante degli anni ’50 Dickie Valentine sul giradischi, conferendo al momento un’atmosfera da film nero. La melodia di chiusura è stata la canzone del debutto del popolare gruppo di Ian Campbell.

  • Questo episodio ha visto Louis Arnold passare l’incarico di regia a Ben Williams (Bisher, Central Baghdad), che dirige il culmine dei tre episodi della serie.

  • Per un lampo di normalità in mezzo al dramma, ho adorato Jolie aggrovigliata mentre spiegava le regole del concorso televisivo Pointless.

Unisciti di nuovo a noi lunedì prossimo per approfondire il penultimo episodio. Nel frattempo, per favore, lascia i tuoi pensieri e le tue teorie qui sotto…