Primo sguardo esclusivo agli Orchi de Il Signore degli Anelli di Prime Video: Gli anelli del potere

Battaglioni di orchi hanno avuto un ruolo centrale in tutto il franchise de Il Signore degli Anelli, ma i creatori di Il Signore degli Anelli: Rings of Power intendono mostrare le creature più che mai. In preparazione, diamo un primo sguardo esclusivo ad alcune delle variazioni che vedremo durante la serie.

Alla fine della Prima Era di Tolkien, gli Orchi furono decimati quasi al punto di estinguersi nella Guerra d’Ira. Poiché The Rings of Power sarà ambientato nella Seconda Era, incontriamo le creature mentre sono sparse per la Terra di Mezzo. Migliaia di anni prima che diventassero la forza distruttiva che aiuta a livellare i regni degli Elfi e degli Uomini, gli Orchi sono pochi, sfortunati e in lotta per la sopravvivenza.

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere – Immagini Esclusive

Volendo avere un’idea migliore di cosa aspettarci quando The Lord of the Rings: The Rings of Power arriverà su Prime Video a settembre, abbiamo incontrato Jamie Wilson, Head of Prosthetics presso The Rings of Power, e Lindsey Weber, Executive Produttore in serie. Entrambi provengono da un background amorevolmente nerd, con Weber che lavora nei franchise di Star Trek e Mission: Impossible e Wilson che si unisce al progetto come quello che chiamano “Sevener”. (Ciò significa che questo tizio è stato in ogni progetto live-action de Il Signore degli Anelli. Conosce i suoi Orchi.) Forse la cosa più importante, Jamie, Lindsey e l’intero equipaggio di The Rings of Power si prendono cura di molte di queste creature.

“Beh, io amo gli Orchi”, inizia Weber. “Amo il design delle creature, quindi sono molto felice di parlare di queste cose. JD e Patrick – gli showrunner – la prima pagina della loro Bibbia riguardava gli Orchi. Hanno una vera passione per loro, amano le protesi pratiche e il design, e sentivano di aver bisogno di essere esplorati dato che siamo nella Seconda Era e migliaia di anni prima degli eventi della Terza Era. Era davvero importante per loro elaborarli come la loro cultura ed esplorare il loro mondo con le proprie gambe.

Poiché è un’età molto diversa per gli Orchi, con tempi molto precedenti rispetto agli Orchi che abbiamo visto finora sullo schermo e il loro numero è così diminuito, era importante che avessero un aspetto e una sensazione diversi dalle creature che abbiamo visto . già conosciuto.

“Abbiamo passato molto tempo a parlare di cosa significherebbe essere un Orco nella Seconda Era”, ha detto Weber. “Sembrava appropriato che avessero un aspetto diverso, parte di una Terra di Mezzo della Seconda Era più selvaggia, più cruda, più vicina alla fine della Prima Era. Quando li incontriamo, non sono ancora organizzati in eserciti, sono un po’ più dispersi e stanno rovistando. Quindi è solo un momento diverso nella loro storia totale.

Un’altra epoca della loro storia, insomma. Come accennato, gli eserciti che vediamo nella trilogia del film Il Signore degli Anelli di Peter Jackson – a cui questa serie TV non è legata – devono ancora essere creati. “Loro [the Orcs] in qualche modo scomparso”, osserva Wilson. “Tutti pensavano, ‘Sì, sono stati spazzati via dalla Terra di Mezzo.’ Ma in realtà, sono regrediti nell’oscurità in piccoli gruppi, e si sono nascosti, e hanno vissuto in tunnel e una specie di sotto la Terra di Mezzo, perché l’unico modo per nascondersi, perché ovviamente sono stati scacciati per così tanto tempo, quindi sono davvero quelli che tornano mentre si riformano sotto un presunto nuovo leader che li spingerà avanti.

“Ci sono orche femmine che mi sono piaciute molto.


È difficile immaginare gli Orchi al di fuori degli sciami di guerrieri a cui ci siamo abituati, ma Weber ha rilasciato un’importante rivelazione per lo show quando si trattava del ripopolamento dell’Orco anticipando il suo momento preferito della prima stagione da Il Signore degli gli anelli: gli anelli del potere. “Ci sono orche femmine che mi sono piaciute molto”, ha detto. “Ma c’è un Orco in particolare, che è molto, molto alto e forte, che ha un combattimento particolarmente divertente con uno dei nostri personaggi elfici che penso sarà, o spero sarà, uno dei preferiti dai fan”.

Tuttavia, il team di Rings of Power non ci sta ancora svelando tutti i suoi segreti. Quando abbiamo chiesto del potenziale di vedere mai la creazione degli Orchi (anche se la loro creazione ha luogo nella Prima Era piuttosto che nella Seconda), Wilson ha giocato timido. “Beh, questo ti direbbe troppo,” disse con un sorriso.

Poiché questi Orchi sono così diversi dal loro futuro, Wilson è stato in grado di spiegare come si avvicinano al loro aspetto. “Il modo in cui l’ho descritto alla mia squadra, è un po’ come se fossero le versioni per bambini”, ha detto. “Non sono davvero bambini, ma sono quelli che escono dall’oscurità. Quindi è presto. Quindi, per esempio, se guardi i film passati su di loro, li vedrai e sono piuttosto danneggiati e segnati da battaglie e tutto quel genere di cose, perché ci sono state molte più battaglie. È un po’ prima del prossimo round di grandi battaglie. Quindi c’è una consistenza molto più liscia. Ci sono ancora rughe, linee sottili, forme e forme, ma non sono così sfregiate dalla battaglia, ma affrontano alcune condizioni della pelle dovute all’esposizione al sole. Tornano per la prima volta. Quindi è tutto un po’ nuovo. Ecco perché non sono di carnagione scura, necessariamente non così muscolosi e non così pronti per il combattimento come hai visto nelle produzioni precedenti.

Come per i film di Jackson Il Signore degli Anelli, gli effetti pratici rimangono molto importanti per i creativi dietro Rings of Power e, come gli Orchi, le protesi e le sostanze chimiche si sono evolute da quando gli Orchi hanno iniziato a rovinare la vita della comunità e dei loro alleati.

“Il tempo è cambiato molto”, ha detto Wilson. “Si torna indietro di 20 anni e in pratica utilizzavamo lattice espanso, che è come una specie di materiale poroso gommoso e spugnoso con una superficie liscia o strutturata. Era fantastico allora. Ma in realtà è stato proprio alla fine del Signore degli Anelli che abbiamo creato il primo vero silicone incapsulato per Gimli. Alla fine, ha iniziato a indossare i siliconi, ma ora è comune. Quindi tutte le orecchie, i nasi e le parti degli Orchi sono tutti fatti di silicone incapsulato, che è fondamentalmente due strati di silicone con un pezzo di silicone mobile nel mezzo, quindi quando applicati sul viso dell’attore, possono muoversi e funziona. Inoltre ottiene la stessa temperatura della loro pelle. E puoi vedere la traslucenza, e poi ci dipingi sopra delicatamente, un po’ come se stessi truccando un essere umano piuttosto che dover sigillare e dipingere pesantemente come facevamo una volta.

Ora, tutti noi amiamo i nostri effetti pratici, ma Wilson e Weber vogliono chiarire che questa serie è un connubio tra CGI e praticità. (Questo è il caso di tutti i film e le serie, niente panico.)

“Le protesi più sofisticate sono sottili e agili e consentono alle persone di muovere la bocca molto liberamente ed esprimere tutte le emozioni dei volti umani”, afferma Weber. “Stiamo lavorando sodo per rendere le nostre protesi davvero sottili e più comode per i nostri artisti e cose del genere. Ma ci sono momenti in cui indossano cose, come i denti, e ogni sorta di altre cose che lo rendono difficile. E nel tempo, mentre scatti, queste cose possono logorarsi un po’ con il passare della giornata.

Il Signore degli Anelli: Il Potere degli Anelli Creazione della sequenza del titolo

Wilson ha concordato, aggiungendo: “In questa particolare produzione, lavoriamo a stretto contatto. In realtà insieme perché alla fine avrai alcuni effetti visivi coinvolti, che potrebbero essere piccole modifiche, giusto. Molto, perché tieni a mente, quando entri nelle acrobazie e nell’azione, alcune delle cose che gli umani non possono fare fisicamente. Quindi si trasforma in un effetto visivo. Quindi ce n’erano molti. Inoltre, molte cose con le protesi sono bestie e creature che necessitano di ulteriori aggiornamenti o altro. Quindi c’era un legame molto stretto.

Ma, ancora una volta, non preoccuparti se la serie sembra di prim’ordine. Non solo uno stretto connubio tra effetti visivi e pratici è all’ordine del giorno, ma gli Orchi che vedi da vicino e personali sono quanto di più pratici possibile. (Nota: i ritocchi e simili verranno comunque applicati.)

“Quando sono vicini alla telecamera, gli Orchi sono davvero pratici e quasi esclusivamente”, osserva Weber. “E i posti in cui il team degli effetti visivi aiuta, siamo in inferiorità numerica quando abbiamo bisogno di quantità maggiori di quelle che potresti accumulare su un film ambientato in qualsiasi parte del mondo. È quello che fanno loro quando entrano e fanno parte del loro lavoro , fanno la loro magia. Abbiamo pianificato molto per scoprire in anticipo quali artisti sarebbero stati più vicini alla fotocamera e hanno guardato rapidamente, e poi, quando torni indietro, in alcuni casi hanno avuto app più semplici per consentire queste cose perché era è così importante per noi averli tutti il ​​più possibile dietro le porte chiuse per portare tutti nell’atmosfera e farla sentire reale mentre stavamo girando.

“Abbiamo deciso all’inizio che avremmo provato a renderlo uno spettacolo molto reale”, ha aggiunto Wilson. “Quindi abbiamo cercato di utilizzare protesi reali e tutto il resto e di ridurre al minimo gli effetti visivi, perché ci sono centinaia di produzioni che sono pesanti per gli effetti visivi, e puoi vedere, l’occhio umano va sempre meglio e sa cosa è reale e sa cosa non lo è, perché siamo così spogliati di tutto questo prodotto che stai iniziando a conoscerlo.

C’è molto da fare su Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere. Il video di Prime ha speso un bel soldo per la serie e eserciti di persone hanno versato sangue, sudore e lacrime nella creazione dello spettacolo. Quando si tratta degli orchi, tuttavia, lo scenario ideale di Weber si riduce allo spettatore. “Spero che le persone trovino una dimensione in loro che non avevano considerato prima e che saranno elettrizzate e inorridite e forse anche provare qualcosa lungo la strada”, dice.

Alcune citazioni sono state modificate per chiarezza.

Amelia è l’editor di streaming qui a IGN. È anche una critica cinematografica e televisiva e passa troppo tempo a parlare di dinosauri, supereroi e horror popolare. Di solito la trovi con il suo cane, Rogers. Potrebbero esserci dei cheeseburger coinvolti.