La scienza dietro capelli sani

un introduzione
Che aspetto hanno i capelli sani?
Qual è la forma dei capelli?
Shampoo e balsamo vanno di pari passo
Domanda di prodotti naturali e sostenibili
Riferimenti
lettura approfondita


Che cosa sono i capelli sani e qual è la scienza alla base? Qui discutiamo la struttura dei capelli e la sua tendenza ad apparire sani o meno. Perché le nostre serrature sembrano noiose?

capelli sani Credito di immagine: Prostock-studio/Shutterstock.com

Una migliore comprensione delle proprietà naturali dei nostri capelli ci ha portato a utilizzare trattamenti condizionanti per migliorarne e migliorarne l’aspetto. Negli ultimi anni, abbiamo assistito a una crescente domanda di prodotti per la cura dei capelli naturali e sostenibili. Qui diamo uno sguardo più da vicino all’uso delle piante nella cura dei capelli.

Che aspetto hanno i capelli sani?

Si ritiene generalmente che i capelli dall’aspetto sano siano lisci e lucenti, al contrario dei capelli opachi, ruvidi e svolazzanti. I vantaggi di morbidezza e lucentezza sono legati alle caratteristiche della superficie del capello. Le estremità tagliate o appuntite sono un altro segno di salute e sono legate alla forfora.

Tra i motivi per cui una persona potrebbe lottare con una miriade di ciocche dall’aspetto malsano includono uno styling eccessivo e trattamenti cosmetici, come l’uso di coloranti chimici o candeggina. Qui possono verificarsi danni chimici per contribuire alla comparsa di capelli opachi, crespi e opachi. Inoltre, i cambiamenti legati all’età come l’ingrigimento naturale o l’alopecia androgenetica (perdita di capelli negli uomini più anziani) possono portare a una perdita di lucentezza e levigatezza.

Per mantenere i nostri capelli sani è necessario coordinare un insieme complesso di elementi; Interazione di fattori medici e biologici, abitudini di cura del cuoio capelluto, procedure per la cura dei capelli e fattori ambientali. I cosmetici vengono utilizzati per modificare le proprietà fisiche e meccaniche dei capelli, che, a loro volta, dipendono dalla struttura interna e dalla composizione proteica. Quando la superficie del capello è vista come un “regolatore” a livello molecolare ha implicazioni per la progettazione di ingredienti e formulazioni eco-compatibili e sostenibili sia per shampoo che balsami, e questi prodotti hanno visto un’impennata nella domanda dei consumatori negli ultimi anni.

Che aspetto ha la struttura del capello?

La struttura del capello è costituita da uno strato esterno idrofobo con una corteccia. Insieme, questi strati conferiscono le proprietà fisiche desiderate di lucentezza (lucentezza) e volume (corpo) necessarie per determinare la “salute” dei capelli.

Lo strato adesivo lipidico idrofobico è costituito da cellule epidermiche piatte sovrapposte. La pelle normale è liscia e permette alla luce di riflettersi. Nel frattempo, la corteccia interna è costituita da cellule del fuso strettamente imballate che sono piene di filamenti di cheratina. Cambiamenti permanenti nella corteccia si verificano quando i capelli sono sottoposti a trattamenti come la colorazione o procedure come la permanente o la stiratura.

Shampoo e balsamo vanno di pari passo

Lo shampoo agisce come detergente per rimuovere oli, sebo e sporco in eccesso. Tuttavia, se usato da solo, lascia i capelli bagnati aggrovigliati, difficili da gestire e inclini a filare una volta asciugati. Una tecnica di pettinatura scadente può causare stress meccanico e portare alla rimozione dello strato lipidico esterno, legato in modo covalente, lasciando la superficie del capello idrofila e ionizzata.

Una soluzione a questo problema è applicare trattamenti condizionanti sui capelli dopo lo shampoo o combinare shampoo e balsamo in un’unica applicazione: una manovra ben utilizzata e che fa risparmiare tempo. La sfida in entrambi i casi (shampoo + balsamo o combinazione di entrambi) è mantenere gli ingredienti condizionanti sulla superficie dei capelli dopo aver rimosso la formula detergente. Gli ingredienti condizionanti più comuni sono costituiti da tensioattivi, polielettroliti, balsami lipofili (come oli, cere naturali e alcoli grassi) e silicone.

shampoo

Lo shampoo agisce come detergente per rimuovere oli, sebo e sporco in eccesso. Credito di immagine: Mr.Cheangchai Noojuntuk/Shutterstock.com

Domanda di prodotti naturali e sostenibili

L’industria cosmetica ha cercato di soddisfare la domanda di prodotti più naturali e sostenibili. La sfida principale in questo caso è la capacità di sostituire i tensioattivi tradizionali a basso costo con nuovi tensioattivi a un prezzo simile. Sono stati fatti grandi passi avanti in questa direzione utilizzando i principi della scienza verde e molti nuovi ingredienti sono al giorno d’oggi rispettosi dell’ambiente.

Nella ricerca di soluzioni più naturali, c’è stato un recente sviluppo di shampoo solido che contiene alcuni ingredienti nuovi e interessanti. Questi sono principalmente a base di argilla, erbe o farina, in alternativa alle tradizionali basi lavanti, insieme ai soliti tensioattivi sintetici e altri ingredienti comuni.

Ci sono molti vantaggi degli shampoo solidi rispetto alle formulazioni convenzionali, come una facile trasportabilità e una migliore stabilità microbiologica (la presenza di acqua nella formulazione degli shampoo convenzionali richiede l’uso di conservanti aggiuntivi). Qui si passa quindi a soffermarsi sull’uso delle erbe.

L’uso delle erbe per detergere i capelli è noto da molto tempo. Recentemente c’è stata una rinascita nell’uso delle erbe in concomitanza con la crescente tendenza a favore delle materie prime naturali. I prodotti a base di erbe sono anche preferiti perché offrono i vantaggi aggiuntivi di essere a basso costo, oltre a un minor rischio di effetti collaterali.

Sono state scoperte un gran numero di piante benefiche per i nostri capelli. I benefici sono conferiti dagli ingredienti richiesti come vitamine, aminoacidi, polisaccaridi, glicosidi, bioflavonoidi, ormoni vegetali, acidi della frutta e oli essenziali. La sfida sta nella selezione di questi ingredienti naturali, insieme all’emergere di nuove tecniche di formulazione.

Sebbene queste nuove formulazioni includano ingredienti naturali con i quali si può fare riferimento a una sensazione di protezione, resta essenziale che siano, infatti, sicure ed efficaci per un uso a lungo termine. Molti degli shampoo a base di erbe disponibili sono ancora basati su ingredienti sintetici, sebbene la formulazione di shampoo “puri” che utilizzano solo ingredienti naturali sia ora nota per competere con gli shampoo convenzionali in proprietà altamente desiderabili come schiuma, detersivo delicato e contenuto solido.

Riferimenti

  • Gubitusa, J. et al. 2019. Cosmetici per la cura dei capelli: dagli shampoo tradizionali alle argille dure e agli shampoo alle erbe, una rassegna. trucco. doi: 10.3390 / cosmetici 6010013.
  • Luengo, G. et al. 2020. La scienza delle superfici di substrati cosmetici, disinfettanti e formulazioni. Sviluppi nella scienza del colloide e dell’interfaccia. doi: 10.1016/j.cis.2021.102383.
  • Sinclair, R.; 2007. Capelli sani: che cos’è? Journal of Proceedings of the Investigative Dermatology Symposium. doi: 10.1038/sj.jidsymp.5650046.

lettura approfondita