Espansione travagliata del negozio TikTok nel Regno Unito: esodo del personale e scontro culturale

Uno scontro culturale tra i proprietari cinesi di TikTok e alcuni dei suoi dipendenti a Londra ha scatenato un esodo di massa del personale e lamentele sull’etica aggressiva dell’azienda in contrasto con le pratiche commerciali tipiche del Regno Unito.

La controversia era incentrata sull’iniziativa di e-commerce della società di social media, il TikTok Shop, che è stata lanciata nel Regno Unito ad ottobre.

Joshua Ma, un alto dirigente della cinese ByteDance – il proprietario dell’app di video virali – e capo dell’e-commerce di TikTok Europe, ha fatto arrabbiare il personale londinese alla cena di quest’anno quando ha detto che come “capitalista”, “non Le aziende “non pensare” dovrebbero offrire tempo libero. maternità.

L’anello è emblematico di uno scontro più ampio all’interno del reparto e-commerce. Almeno 20 membri del team di e-commerce di Londra – circa la metà di tutti i suoi dipendenti originali – si sono licenziati dal lancio di TikTok Shop, mentre altri affermano che stanno per smettere. Due dipendenti hanno ricevuto un compenso per le condizioni di lavoro.

“Ci sono persone che escono ogni settimana, è come un gioco: ogni lunedì chiediamo chi è stato licenziato, chi ha smesso”, ha detto uno degli attuali dipendenti.

La visita di Ma è stata per verificare il lancio di TikTok Shop nel suo primo mercato al di fuori dell’Asia. Questa funzione è un tentativo di portare lo shopping in stile QVC agli utenti britannici. Marchi e influencer trasmettono in diretta sull’app dei social media, vendendo prodotti attraverso un cestino arancione cliccabile sullo schermo.

Mercoledì, TikTok ha inviato un’e-mail ai dipendenti dicendo che Ma si era “ritirato” dal suo ruolo mentre stava conducendo un’indagine formale sulla sospensione e altre accuse fatte dal Financial Times alla società. Il Financial Times ha parlato con 10 membri attuali ed ex della divisione e-commerce di Londra, che hanno parlato a condizione di anonimato. La società ha affermato di avere una chiara politica di congedo di maternità nel Regno Unito, comprese 30 settimane di congedo retribuito.

ByteDance ha raccolto $ 5 miliardi a dicembre 2020 con una valutazione di $ 180 miliardi e ha aumentato le entrate dell’111% l’anno scorso a $ 34 miliardi, secondo persone che hanno familiarità con la questione.

Cerca di giustificare questa valutazione espandendo la sua offerta di e-commerce, utilizzando un modello che si è dimostrato redditizio per Douyin, l’app sorella di TikTok in Cina. I concorrenti YouTube e Instagram stanno sviluppando funzionalità simili in Europa, mentre la rapida crescita e popolarità di TikTok tra gli utenti più giovani è stata recentemente citata da Meta, un genitore di Facebook, come una minaccia per la sua attività.

I membri del team di e-commerce a Londra hanno affermato che avrebbero dovuto lavorare spesso più di 12 ore al giorno, iniziando presto per accogliere le chiamate con la Cina e finendo in ritardo poiché la trasmissione in diretta ha avuto più successo la sera, con “rapporti di commento” immediatamente presentato successivamente.

Le immagini dei dipendenti che lavorano nelle prime ore del mattino sono state celebrate nelle comunicazioni interne come esempi di “impegno”, mentre una consegna in cui il dipendente ha affermato che avrebbe lavorato durante il congedo è stata condivisa come esempio di buona pratica.

TikTok ha affermato che i dipendenti a volte devono lavorare con orari flessibili che “sono correlati ai modelli di utilizzo dei clienti” e che mira a renderlo “l’eccezione piuttosto che la regola”.

Diversi dipendenti si sono ammalati di stress mentre alcuni dipendenti sono stati rimossi dagli account dei clienti o retrocessi dopo essersi presi una pausa.

“La cultura è davvero tossica. Un ex capitano della squadra a Londra ha detto che le relazioni si basano sulla paura, non sulla cooperazione. “Non si preoccupano del burnout perché è una grande azienda, possono semplicemente sostituirti. Sono arrivati ​​al marchio TikTok”.

Come fonte di entrate, il negozio TikTok sembra essere privo di trazione nel Regno Unito, operando in perdita, mentre molti live streaming non stanno generando vendite.

Il personale si è lamentato della fissazione di “obiettivi non realistici” fino a £ 400.000 al mese di vendite lorde da trasmissioni in diretta, quando uno streaming di successo da un venditore normale potrebbe generare meno di £ 5.000. TikTok riceve una commissione del 5%, a cui spesso si rinuncia per attirare nuovi marchi sulla piattaforma.

Gli ex dipendenti hanno affermato che coloro che non hanno raggiunto gli obiettivi o risposto alle richieste di lavoro al di fuori dell’orario di lavoro sono stati segnalati e rimproverati nel sistema di messaggistica interno dell’azienda. Un ex membro del gruppo dirigente ha detto che la cultura l’ha quasi portata a un tracollo.

“Il negozio TikTok è nel Regno Unito solo da pochi mesi e stiamo rapidamente investendo nell’espansione di risorse, strutture e processi per supportare un’esperienza positiva dei dipendenti”, ha affermato TikTok. Ha aggiunto che l’azienda fornisce supporto per la salute e il benessere, nonché formazione e tutoraggio.

La strategia di TikTok Shop è quella di ottenere articoli direttamente da produttori economici sia nel Regno Unito che in Cina e vendere prodotti a basso costo.

Offerte popolari includono £ 14 Dyson dupe, uno styler per capelli simile al Dyson Airwrap, che ha un prezzo al dettaglio consigliato di £ 450.

Dyson afferma di non supportare i “falsi inferiori” e incoraggia TikTok ad assumere un ruolo più attivo nella rimozione delle “truffe dalla vendita”. TikTok afferma di avere un team che monitora le merci contraffatte e ha linee guida rigorose sui prodotti.

Marchi affermati tra cui Lookfantastic, L’Oréal e Charlotte Tilbury hanno venduto prodotti attraverso il negozio TikTok. I marchi sono incoraggiati a offrire vendite rapide e sconti profondi, che TikTok spesso supporta. TikTok spesso finanzia i costi correnti per la trasmissione in diretta di un influencer, come lo spazio in studio e il personale tecnico.

Un attuale dipendente ha affermato: “Il modello non funziona perché è un mercato e un ecosistema diversi nel Regno Unito, ma la direzione non ascolta e si rifiuta di apportare modifiche”. I dipendenti che si sono occupati direttamente dei marchi hanno affermato che i marchi europei erano a disagio con il livello di sconto sui loro prodotti.

TikTok ha assunto persone con esperienza nell’e-commerce e nei marchi di lusso tra cui Harrods, Asos e Amazon, offrendo premi di accesso e opzioni di condivisione.

I dipendenti hanno utilizzato i loro contatti per attirare i principali marchi sulla piattaforma, ma alcuni hanno affermato che i loro rapporti professionali di lunga data con queste società sono stati rovinati dal dover negoziare sconti in modo aggressivo e poi a volte rescindere i contratti senza spiegazioni. “Ho perso la mia credibilità con i commercianti”, ha detto un attuale dipendente.

TikTok ha affermato che “impara costantemente, iterando e migliorando [its] service” ed è guidato dalla community, dagli influencer e dai commercianti.

Gli influencer dovrebbero trasmettere in streaming ogni due settimane e ricevere una commissione prestabilita per le vendite. A volte viene loro pagata una quota fissa, ma per alcuni è stata recentemente ridotta, il che ha portato molti a ritirarsi dalla partnership.

“Il modello del negozio TikTok non funziona nel Regno Unito”, ha affermato un ex dipendente. “Avrà successo solo se l’azienda è disposta ad ascoltare come farlo in un modo culturalmente accettabile che funzioni per i marchi e i consumatori britannici”.

Segnalazione aggiuntiva di Hannah Murphy a San Francisco