Il produttore cinematografico di Mario afferma che Chris Pratt non offenderà gli italiani

Un uomo che assomiglia a tutti gli altri sorride alla telecamera.

Chiedi a 100 persone a caso chi è quest’uomo e 99 probabilmente diranno Chris Evans.
Foto: Valeria Macon (Getty Images)

Il CEO di Illumination Chris Meledandri presume che il suo studio sia stato criticato per aver scelto Chris Pratt come idraulico omonimo nel suo prossimo film Mario film per le preoccupazioni sulla rappresentazione italiana e non perché, si sa, Chris Pratt fa schifo.

“Quando le persone ascolteranno la performance di Chris Pratt, le critiche svaniranno, forse non del tutto”, ha detto Meledandri. Scadenza. “Alla gente piace esprimere le proprie opinioni, come dovrebbe. Non sono sicuro che sia la difesa più intelligente, ma come persona di origine italo-americana, sento di poter prendere quella decisione senza preoccuparmene. offendere italiani o italoamericani Penso che andrà tutto bene.

Meledandri, che al fianco è anche il produttore del film d’animazione Super Mario Bros. il creatore Shigeru Miyamoto, ha proseguito affermando che il progetto è “il raggiungimento di un obiettivo davvero importante” e che il rapporto tra Illumination e Nintendo è “senza precedenti nella sua vicinanza”. Questi commenti non significano quasi nulla, ma è divertente fingere che siano spunti perspicaci nel processo creativo.

L’ancora senza nome Mario il film ha suscitato sia sconcerto che critiche quando è stato annunciato il talento vocale durante una presentazione Nintendo Direct l’anno scorso. Mentre a un certo livello le persone capivano che Jack Black stava interpretando Bowser e Seth Rogan per Donkey Kong, è stato il casting di Pratt per il ruolo dell’eroe titolare in particolare che fa girare la testa. Alcuni hanno scherzato sul fatto che avere un uomo così noioso nel ruolo ha cancellato l’eredità italiana di Mario. Immagino che Meledandri lo abbia preso a cuore.

Da notare che anche Charles Martinet, voce ufficiale di Mario dal 1990, non è italiano. Infatti Martino storia di origine spesso ripetuta coinvolge l’attore che parla di “spaghetti e polpette” con una voce italiana stereotipata durante la sua audizione per mezz’ora prima di ottenere il lavoro.

“[Nintendo] mi ha detto che ero un idraulico italiano di Brooklyn, quindi il mio istinto è stato di provare con una voce roca e grossolana: “Ehi tu, levati dalla mia faccia!” “Disse Martinetto BBC nel 2012. “Quello che mi è venuto in mente era un personaggio in cui avevo recitato [Shakespeare’s] Doma il toporagno. Ero Petruccio che tornava a prendere sua moglie in Italia, ed ero una specie di “Mamma mia, bel vecchio italiano”. Ho pensato di fare qualcosa del genere.

Con questo in mente, è probabilmente sicuro dire che il rifiuto del casting di Pratt in gran parte non riguarda la rappresentazione italiana o italo-americana, almeno al di fuori dei cinema avvelenati dall’ironia di Twitter. No, è più una domanda, come ho detto prima, che Pratt fa schifo.

Anche se ignori Pratt andare in una chiesa omofobica, le persone sono stanche di vedere la sua faccia cesellata e con gli occhi da squalo dappertutto. È l’ultimo di una lunga serie di attori di medio livello a realizzare un successo dopo l’altro semplicemente per la sua modestia. In Pratt, Hollywood ha trovato il perfetto blando protagonista da inserire in film d’avventura con gli stampini ogni estate, dagli ipnotizzanti velociraptor ai mondo giurassico a tutto l’inferno la guerra di domani È tutto basato su.

C’è anche il fatto che i film d’animazione negli ultimi anni sono diventati una questione di poter elencare un cast stellare durante i trailer piuttosto che assumere veri comici di talento. Lungi da me criticare Charlie Day per aver accettato il ruolo di Luigi, ma separiamo “attori” e “voci” per un motivo. Le due forme d’arte richiedono abilità molto diverse che non si traducono necessariamente l’una nell’altra. La carriera di Martinet come abile doppiatore avrebbe dovuto renderlo uno shoo-in per il Mario film, non solo come un cameo di Stan Lee, ma come l’idraulico stesso.

È positivo che Meledandri abbia preso le battute sulla rappresentanza italiana alla lettera, ma ovviamente sta evitando il nocciolo della questione. Preferirei di gran lunga che venisse fuori e dicesse la verità: hanno assunto Pratt perché volevano attribuire un attore di grande nome al ruolo, non importa quanta dissonanza ci fosse tra il ritratto di Mario nei giochi e nel film. . E anche se probabilmente sto chiedendo troppo a un ragazzo che ha aiutato a liberare i Minion nel mondo, a questo punto è tra Meledandri e il suo dio.