Le top model vengono violentate, curate e vendute dagli agenti in ‘Fashion Secrets’ | notizie dal mondo

La modella Carrie Sutton aveva solo 17 anni quando ha detto di essere stata ripetutamente violentata da uno degli uomini più potenti del settore.

Gerald Marie era sposato con Linda Evangelista – una modella famosa – ma quando sua moglie era fuori città, Sutton dice di essere stata aggredita sessualmente dall’agente francese “a volte più volte alla settimana” nel corso di diverse settimane nel 1986.

“Si è imposto su di me e mi ha violentato”, dice Sutton in un’intervista in lacrime per un nuovo documentario.

“Ricordo di essere stato devastato e terrorizzato”.

Sutton ora ha 53 anni – meglio conosciuta come Carrie Otis – e ha detto a Sky News che sarebbe “felice di trovarsi faccia a faccia” in tribunale con Mary, che nega con veemenza tutte le accuse di abusi sessuali contro di lui da parte di diverse donne.

immagine:
Carrie Sutton, filmata nel 1991, è diventata famosa con il nome di Carrie Otis. Foto: John Barrett/Shutterstock

Non vi è alcuna indicazione che Evangelista – che ha divorziato da Marie nel 1993 – fosse a conoscenza del presunto abuso.

Ha rilasciato una dichiarazione nel 2020 elogiando il “coraggio e la forza” degli accusatori del suo ex partner, dicendo: “Sentendoli ora e sulla base della mia esperienza, credo che stiano dicendo la verità”.

Sutton è una delle almeno 11 donne che si dice abbiano testimoniato a un pubblico ministero di Parigi sostenendo di essere state aggredite sessualmente da Marie, l’ex capo europea di un’agenzia di modelle d’élite.

Gerald Marie e Linda Evangelista nel 1991
immagine:
Gerald Marie e Linda Evangelista nel 1991

Tuttavia, la prescrizione francese significa che le accuse di abuso sessuale devono essere denunciate entro 20 anni, o 30 anni nel caso di minori.

Sutton crede che ci siano state altre presunte vittime di Mary negli ultimi due decenni e vuole che si facciano avanti.

“Non credo che gli autori abbiano semplicemente premuto un interruttore”, ha detto a Sky News.

“Il motivo dei miei progressi è perché ho delle figlie. Non voglio che debbano normalizzare ciò a cui sono abituato da così tanto tempo.

“È ancora un settore completamente non regolamentato che lavora principalmente con minori e giovani adulti.

“Il fatto che sia l’unico settore non regolamentato è scandaloso”.

Racconta a Carrie Sutton (Carrie Otis) dell'aggressione sessuale che avrebbe subito.  Foto: Sky UK
immagine:
Carre Sutton dice che sarebbe “felice di affrontare Gerald Marie in tribunale. Pic: Sky UK

L’industria dei modelli è “totalmente complice” dell’abuso

Sutton e altre tre donne condividono i dettagli dell’aggressione sessuale che avrebbero subito mentre lavoravano come modelle in un nuovo documentario, Scouting For Girls: Fashion’s Darkest Secret.

Sutton – che una volta era sposata con l’attore Mickey Rourke – afferma che le persone del settore sono state “totalmente complici” nell’abuso delle modelle, in particolare a Parigi.

Mickey Rocky e Carrie Otis sono stati fotografati nel 2001: foto: bay/shutterstock
immagine:
Mickey Rocky e Carrie Otis sono stati fotografati nel 2001: foto: bay/shutterstock

Dice di essere stata mandata a lavorare nelle case dei paparazzi che erano “noti colpevoli”, dove le è stato chiesto di spogliarsi nuda per mostrare loro il suo corpo.

“Era del tutto normale”, dice.

“Spesso fanno tardi, a tarda notte, a tarda notte.

“Sono state le persone che erano davvero a rischio, che non facevano banche, che sono state attaccate”.

Preparato e venduto dai nostri agenti

Jill Dowd dice di essere stata anche violentata da Marie dopo aver trascorso una notte a Parigi nel 1980 quando era una modella di 20 anni.

Ha continuato la sua relazione con Adnan Khashoggi, il defunto trafficante d’armi saudita che una volta si diceva fosse l’uomo più ricco del mondo.

Ha detto a Jill Dowd dell'aggressione sessuale che avrebbe subito.  Foto: Sky UK
immagine:
Jill Dowd afferma di essere stata violentata da Gerald Marie. Foto: Sky UK

Dice che in seguito ha scoperto che Khashoggi aveva pagato l’agenzia di modelle di Marie, Paris Planning, fino a $ 50.000 per darle.

“Eravamo giovani, sfruttati, trasformati e venduti dai nostri agenti”, dice Dodd a Sky News.

“Lo so per me, mi sono picchiato per questo per anni…” Come potevo essere così stupido? Come posso lasciare che ciò accada? “

“In effetti, non avevo alcuna possibilità contro quegli uomini forti che avevano vent’anni più di me, che complottavano contro di me.”

Adnan Khashoggi.  Immagine: AP
immagine:
Adnan Khashoggi avrebbe pagato un’agenzia di modelle per presentarla alla signora Dodd. Immagine: AP

“Un attore nel palmo delle nostre mani”

Un’altra figura di spicco nel mondo delle modelle che affronta le accuse di violenza sessuale nel documentario è l’agente francese Jean-Luc Brunel, un partner in Jeffrey Epstein.

Brunel – Come Epstein prima di lui – Trovato morto in prigione Nel febbraio di quest’anno dopo essersi suicidato.

È stato arrestato nel dicembre 2020 nell’ambito di un’indagine su accuse di stupro, aggressione sessuale e molestie sessuali.

Una foto non datata del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di Ghislaine Maxwell con Jeffrey Epstein, mostrata in tribunale durante il processo per traffico sessuale di Maxwell nel distretto meridionale di New York.  La socialite britannica accusata di aver sfruttato ragazze vulnerabili e di averle attirate nelle sale massaggi per molestare Epstein tra il 1994 e il 2004. Data di uscita: mercoledì 8 dicembre 2021.
immagine:
Jeffrey Epstein (a sinistra) con Jean-Luc Brunel (a destra)

Marianne Shane dice di essere stata violentata da Brunel mentre lavorava come modella a Parigi negli anni ’80 e ha detto a Sky News che l’apprendimento della sua morte è stato “oltraggioso”.

“Qui in realtà avevamo il colpevole nel palmo delle nostre mani”, dice.

“Ci sono state molte volte in cui ero pronto ad andare a Parigi per testimoniare e poi hanno rimandato”.

Shane, che ora è una terapista, afferma di essere stata anche aggredita sessualmente dal defunto agente di moda francese Claude Haddad, che l’ha licenziata perché “non avrebbe giocato il gioco” – e c’erano altri che si sono comportati in modo inappropriato nei suoi confronti.

Ha detto a Marianne Shane dell'aggressione sessuale che avrebbe subito.  Foto: Sky UK
immagine:
Marianne Shane afferma di essere stata violentata da Jean-Luc Brunel. Pic: Sky UK

“Ricordo che una volta ho fatto un servizio fotografico di prova con un fotografo e lui ha detto ‘dobbiamo dormire insieme o non avrai le tue foto'”, dice.

“Questo genere di cose accade sempre.

“Sono andato dal mio agente e mi sono lamentato di lui e mi hanno detto ‘Oh piccola, andiamo’. Come se non avesse importanza”.

“Professionisti della cura e maestri manipolatori”

Shane crede che ci sia un’idea comune sugli uomini responsabili del tipo di abuso che lei e altri modelli hanno subito.

Dice: “Ho questa teoria secondo cui alcuni uomini sono troppo giovani, o che c’è qualcosa di piccolo in loro dentro, e che sentono che la loro unica forza è quella di essere violenti, intimiditi o minacciati in qualche modo.

“Quando si tratta dell’industria della modellazione, ci manipolano tenendo questi sogni e potenziali lavori di modellazione davanti a noi e credendoci.

“Finché andiamo d’accordo con lei, stiamo bene – se parliamo contro di lei, abbiamo finito.”

Il documentario presenta il concorso Fashion Show of the Year.  Foto: Sky UK
immagine:
Il documentario presenta il concorso Fashion Show of the Year. Foto: Sky UK

Aggiunge: “Erano davvero bravi maghi e bravi manipolatori. Erano le nostre personalità fidate”.

“Hanno afferrato tutte le corde. Si sono aggrappati a tutto.”

Il documentario presenta interviste con una quarta donna – Shauna Lee – che era una studentessa canadese di 15 anni quando ha partecipato al concorso Fashion Show of the Year nel 1992.

Shauna ha raccontato a Lee dell'aggressione sessuale che avrebbe subito.  Foto: Sky UK
immagine:
Shauna ha raccontato a Lee dell’aggressione sessuale che avrebbe subito. Foto: Sky UK

Nelle settimane precedenti lo spettacolo – che Donald Trump aveva condannato l’anno precedente – Lee è stata mandata a Parigi dall’élite dove ha detto di essere stata violentata da Gerald Marie.

Dice che Marie ha appreso di aver catturato un’altra modella e l’ha rimproverata, notando che la sua carriera sarebbe stata in gioco e le ha detto: “Cos’altro hai intenzione di fare? Vai a casa e gira gli hamburger?”

La maggior parte degli espositori non ha voce

Sutton ha intentato una causa a New York contro Mary e dice di essere disposta a portare il caso in giudizio.

“Sono in questo per la giustizia”, ​​ha detto a Sky News.

“Sono in questo per proteggere i diritti dei lavoratori, sono in questo per l’uguaglianza e sono in questo per rimediare a ciò che è successo a me ea tanti altri sopravvissuti che erano completamente innocenti.

“Sono impegnato in questo per vedere un cambiamento nel settore e sono qui per affrontare la riforma della legge sulle restrizioni.

“Questa non è stata una passeggiata nel parco. Questo è stato uno dei due anni più impegnativi della mia vita”.

Carrie Otis.  Immagine: AP
immagine:
Carrie Sutton ha citato in giudizio Gerald Marie. Immagine: AP

Sutton – che ha due figlie adolescenti – ha ancora problemi di sicurezza riguardo al settore e dice che non permetterà ai suoi figli di diventare modelli.

“Ho[figlie]di 13 e 15 anni e non accadrà”, ha detto a Sky News.

Dodd crede che le top model abbiano “meno probabilità di essere offese”, dicendo: “Le grandi star non vengono abusate tanto quanto le ragazze senza nome che non avevano soldi e nessuno sapeva chi fossero.

“Era più riservato.

“(Modelli famosi) hanno una voce. Io non ho una voce e la maggior parte dei modelli no.”

In una dichiarazione nel documentario, l’avvocato di Gerald Marie ha detto che “si oppone fermamente” alle “false accuse mosse contro di lui”.

“Rimane calmo e si rifiuta di partecipare alla controversia mediatica ingannevole e disonesta che è sorta dopo più di 30 anni”, ha aggiunto l’avvocato.

Prima della sua morte, Brunel ha negato qualsiasi illecito mentre lavorava nel settore e ha affermato di non aver mai abusato di nessuna donna.

Haddad, morto nel 2009, ha detto in precedenza di “non aver mai forzato” nessuna donna “con cui era”.

Girl Scout: Moda & # 39;  s Darkest Secret è disponibile per la visione dal 24 giugno.  Foto: Sky UK

Scouting For Girls: Fashion’s Darkest Secret verrà lanciato su Sky Documentaries e il servizio di streaming NOW venerdì 24 giugno.