I libri di matematica fanno arrabbiare la Cina con immagini “brutte, sessualmente suggestive e filoamericane”.

I disegni, trovati in una serie di libri di testo di matematica utilizzati dalle scuole primarie cinesi per quasi un decennio, sono controversi per vari motivi.

Le immagini di bambini con gli occhi piccoli e cadenti e la fronte grande sono state criticate da alcuni cittadini cinesi come brutte, degradanti e razziste.

Altri sono indignati da ciò che vedono come connotazioni sessuali nei disegni. Alcune foto mostrano bambini piccoli con i pantaloni sporgenti che ricordano i contorni dei loro genitali; In un’illustrazione di bambini che giocano, un ragazzo mette le mani sul petto di una ragazza mentre un altro tira la gonna di una ragazza; In un altro disegno, la biancheria intima di una ragazza è mostrata mentre salta una corda.

I netizen hanno anche accusato le illustrazioni di essere “filoamericane” perché mostrano molti bambini vestiti con abiti a quadri con le stelle, le strisce ei colori della bandiera americana.

Uno dei disegni, che mostrava un’esposizione imprecisa di stelle sulla bandiera cinese, era accusato di essere “anti-cinese”.

L’indignazione per le illustrazioni ha dominato le discussioni sui social media cinesi da giovedì, quando le immagini delle vignette sono circolate per la prima volta online. Diversi hashtag correlati hanno raccolto decine di milioni di visualizzazioni su Weibo, la piattaforma cinese simile a Twitter.

Molti hanno espresso shock e rabbia per il fatto che tali illustrazioni “inferiori” non fossero solo È stato convertito in libri di testo pubblicati dalla People’s Education Publishing House di proprietà statale, il più grande editore di libri di testo del paese fondato nel 1950, ma è passato inosservato per molti anni (i libri di testo sono in uso a livello nazionale dal 2013). Altri si chiedevano come passassero questi libri di testo. Il rigoroso processo di revisione delle pubblicazioni conosciuto nel paese.

Gli influencer nazionalisti presto incolparono “l’intrusione culturale occidentale”, affermando, senza fornire prove, che i pittori stavano segretamente lavorando per “forze straniere”, in particolare gli Stati Uniti, per rovinare la vita di innocenti scolari cinesi.

In mezzo al tumulto, la People’s Education Press ha detto giovedì che ha ritirato i libri di testo e lo farà Illustrazioni ridisegnate, ma ciò non è riuscito a sedare la rabbia del pubblico.

Sabato, il Ministero dell’Istruzione cinese è intervenuto, ordinando all’editore di “correggere e aggiustare” le sue pubblicazioni e assicurarsi che la nuova versione fosse disponibile per il semestre autunnale. Ha anche ordinato un “esame completo” dei libri di testo a livello nazionale per garantire che i materiali didattici “aderiscano a orientamenti e valori politici corretti, promuovano una cultura cinese distinta e siano conformi ai gusti estetici del pubblico”.

Le immagini di bambini con gli occhi piccoli e cadenti e la fronte grande sono state criticate da alcuni cittadini cinesi come brutte, degradanti e razziste.

Ma la campagna non riguarda solo i valori estetici e morali, c’è anche una componente ideologica. I libri di testo hanno avuto un ruolo centrale negli sforzi del leader cinese Xi Jinping per rafforzare il controllo ideologico sui giovani del paese e scongiurare l’influenza dei “valori occidentali”.

Sotto Xi, il governo cinese ha vietato il materiale educativo straniero – inclusi libri di testo e romanzi classici – in tutte le scuole pubbliche primarie e secondarie, dicendo che tutto il materiale educativo “deve riflettere la volontà del partito e dello Stato”.

Le critiche ai libri di testo si sono anche trasformate in un attacco personale agli illustratori.

Wu Yong, il cui studio d’arte ha disegnato le illustrazioni, è stato accusato di essere una spia della Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti. Anche la Wu University, l’Accademia di Arte e Design della più prestigiosa università cinese di Tsinghua, non è stata risparmiata dall’ira di utenti nazionalisti sospettosi.
Alcuni hanno accusato l’Accademia di essere “un terreno fertile per traditori”. Altri hanno preso di mira il suo emblema, dicendo che somiglia a una persona inginocchiata che tiene una forchetta, un simbolo che viene interpretato come l’adulazione dell’Occidente (alcuni blogger storici da allora hanno sottolineato che l’emblema era in realtà un adattamento del carattere “artistico” nell’antico cinese scrittura chiamata scrittura dell’osso dell’oracolo).

In un segno della misura in cui l’indignazione nazionalista ha raggiunto, anche il famoso artista grafico Wuheqilin – che si è fatto un nome deridendo i paesi occidentali con le sue opere d’arte ultranazionaliste – è stato preso di mira. I nazionalisti hanno accusato Wuheqilin di aiutare le forze anticinesi dopo aver suggerito che la scarsa qualità delle illustrazioni era probabilmente il risultato di commissioni basse offerte ai designer, un problema che secondo lui l’industria aveva affrontato per anni.

Sono entrati anche i media statali. “I libri di testo tossici sono un avviso di sicurezza ideologica di intrusione”, ha gridato lunedì in un titolo sul Global Times, un quotidiano scandalistico nazionale gestito dallo stato.

“I libri di testo rivelati nelle recenti campagne dei netizen sono orribili. Le lezioni da Hong Kong e Xinjiang hanno suonato per noi un campanello d’allarme sul fatto che i libri di testo problematici non sono una questione estetica, ma una minaccia alla sicurezza ideologica del Paese e al futuro della nazione”, ha affermato Chen citato dal Global Times, ha affermato il professore dell’Università di Tianjin.

“Le illustrazioni in molti libri di testo hanno evidenti elementi occidentali che screditano i cinesi. È un chiaro segno di conflitto ideologico”, ha detto Chen al giornale.

La Cina vieta i materiali didattici stranieri nelle scuole pubbliche
Negli ultimi giorni, un numero crescente di materiali didattici su Internet è stato criticato per servire la cultura occidentale o promuovere valori problematici. Altri hanno preso di mira le illustrazioni nei libri di educazione sessuale, sollevando preoccupazioni sulla pubblicazione di tale materiale educativo, che già scarseggia In Cina – sarà anche colpito.

“Temo che questa stia diventando una questione politicamente carica che non consente un’equa considerazione dei fatti rilevanti”, ha affermato Dali Yang, professore di scienze politiche all’Università di Chicago.

Paul Huang, padre di un bambino di cinque anni nella città meridionale di Guangzhou, ha detto che, sebbene sia stato felice di vedere le illustrazioni mal progettate rimosse dai libri di testo, è preoccupato che la questione sia stata politicizzata.

“Come genitore, rispetto all’infiltrazione di forze straniere, sono più preoccupato per l’esplicita severa censura dei contenuti che avrebbe potuto offrire ai bambini una prospettiva più libera e diversificata”, ha affermato.

“Tale censura rende i nostri libri di testo più conservatori e noiosi, il che non è vantaggioso per lo sviluppo dei bambini”.

Alcuni editori sono già stati interessati.

Sabato 7 maggio, l’editore di manga della città orientale di Hangzhou Hi-Box si è scusato con i suoi lettori per aver ritardato la pubblicazione dei suoi fumetti.

“Oggi abbiamo appreso che a causa di un incidente sociale causato da un certo editore, tutti i libri illustrati per bambini pubblicati sono entrati nella fase di autoesame e i nostri libri illustrati inediti dovranno essere posticipati di conseguenza”, ha detto su Weibo.

Nella sezione commenti, diversi lettori hanno affermato di averlo visto arrivare.

Il commento in alto con 30.000 voti positivi diceva: “Sta ricominciando. Non regolano mai ciò che dovrebbe essere regolamentato e prendono di mira solo coloro che non dovrebbero”.