Truccatrice “pistola” per disegnare il tuo viso come un punk

scritto da Leah Dolan, CNN

Come esplorato nella nuova serie “Sex Pistol” diretta da Danny Boyle, la cultura punk ha ribaltato la sceneggiatura intorno alla moda, alla musica e soprattutto alla bellezza.

Invece di essere usati come strumenti per il miglioramento fisico, capelli e trucco vengono improvvisamente separati dal loro compito abituale: attirare un potenziale compagno. In effetti, spesso sono diventati strumenti per decostruire l’attrazione sessuale.

Se gli anni ’70 dicono che i capelli dovrebbero essere lunghi e morbidi, l’estetica punk richiede punte che sfidano la gravità e trame lisce e intricate. Se il trucco tradizionale – ideato da artisti del calibro di Farrah Fawcett, Jerry Hall, Jane Birkin e Donna Summer – dettava una pelle fresca e delicata, ciglia lunghe e lucidalabbra, i cattivi nascondevano gli occhi sotto spessi anelli di eyeliner liquido, si dipingevano la bocca con il rossetto nero e scriveva frasi come Non c’è futuro nelle loro fronti.

Fuori dal Rainbow Theatre, Londra, 1977. a lui attribuito: Chris Morehouse/Holton Archive/Getty Images

Gli zigomi e i ponti nasali non sono più una tabella di marcia obbligatoria per abbronzarsi o arrossire. Invece, per i cattivi, erano un terreno accidentato che rendeva più interessante il disegno casuale di frasi ribelli o forme astratte.

Sebbene fosse ferocemente respinto nella sua forma tradizionale, la bellezza era ancora uno dei pilastri del movimento. Ciò ha reso ancora più difficile il compito della cosmetologa Ivana Primorak “Pistol”.

Non un capello fuori posto

Ambientato nella Londra degli anni ’70, Disney+ è basato sul film biografico “Lonely Boy: Tales from a Sex Pistol” del chitarrista Steve Jones. Il regista britannico Boyle, la cui filmografia include “Trainspotting” (1996), “The Beach” (2000) e “Slumdog Millionaire” (2008), ha dato la priorità all’originalità, al punto da includere filmati d’archivio della band nello show. Non ci possono essere capelli fuori posto – letteralmente. “Dovevamo essere precisi”, ha detto Primorak in una videochiamata prima del lancio della serie. “Ci sono molti tagli mentre passiamo dalla cosa reale a tagliare con i nostri colpi”.

Da sinistra a destra, Jacob Slater come Paul Cook, Anson Boone come John Lyndon, Toby Wallace come Steve Jones e Christian Lees come Glenn Matlock in

Da sinistra a destra, Jacob Slater nei panni di Paul Cook, Anson Boone nei panni di John Lyndon, Toby Wallace nei panni di Steve Jones, Christian Liss nei panni di Glenn Matlock in “Pistol”. a lui attribuito: Mia Mizuno / FX

Primorac ha collaborato con il dipartimento di moda, a cui è stato concesso l’accesso ai pezzi originali di Vivienne Westwood di quel periodo, per creare una “bibbia per tutti i party per i Sex Pistols”. Il libro era un catalogo completo di ciascuna delle apparizioni pubbliche della band, fornendo informazioni preziose su quali vestiti erano indossati, come erano decorati e, naturalmente, il colore dei loro capelli.

Primorak ha detto che abbinare i colori, la lunghezza dei capelli, la proporzione delle unghie e gli stili si sono rivelati i più difficili.

Il rapporto è la cosa più difficile perché devi capire di cosa si tratta [hair style] Ha detto: “Sembra qualcun altro”. In TV, sulla stampa, ovunque. E non a lungo, la gente lo ricorderà. Quindi è stato difficile”.

La necessità di una precisione estetica e del metodo di regia non convenzionale di Boyle – che ha visto gli attori esibirsi regolarmente per due ore come pistole all’Historic 100 Club di Londra – hanno significato che per Primorak ridurre il look è stato un processo lungo. “Abbiamo ricreato tutti i carri lì”, ha detto. “Quindi non puoi andare tra le necessità e le necessità [alter] Roba perché Danny vuole filmarla, lo sai. Dopo di che andiamo in studio di registrazione e guardiamo lo spettacolo. Questo è il momento in cui puoi davvero vedere il rapporto e come appare e dove apportare le modifiche”.

L’acne è un disastro

La serie è protagonista di un elenco di giovani talenti britannici. Compresi Maisie Williams, Louis Partridge, Thomas Brody-Sangster e Iris Law (che ha fatto il suo debutto come attrice). Ma il bagliore delle celebrità era più un ostacolo che un aiuto per Primorak. “Dovevamo letteralmente sbarazzarci di lei”, ha detto. “C’erano molti denti finti, i capelli erano unti, la pelle era unta e macchiata – dovevamo fare delle protesi”.

Louis Partridge interpreterà Sid Vicious nella prossima serie.

Louis Partridge interpreterà Sid Vicious nella prossima serie. a lui attribuito: Mia Mizuno / FX

Primorac ha chiesto a Julian Temple, un regista che ha iniziato la sua carriera con un documentario che raccontava l’ascesa delle pistole sessuali a metà degli anni ’70, perché il precedente punk sembrava generalmente meno sano. “Ha detto che era un dato di fatto che le persone non avevano accesso a ciò che abbiamo oggi. Non ci pensiamo più… (all’epoca) le persone avevano acqua e sapone ed era così. Se vai fuori in un bar e non tornava a casa per due giorni, non si è davvero fermata a fare la doccia da qualche parte”, ricorda. “E anche la cattiva alimentazione delle persone, un sacco di alcol, droghe e ogni genere di cose”.

Oltre a replicare acconciature iconiche e pitture per il viso, Primorac ha anche dovuto catturare lo stile di vita pesante del movimento e i suoi effetti sul corpo. “E alla fine della giornata, (il cast) assumerà quell’aspetto punk, si pulirà con un trucco piuttosto costoso e tornerà a casa con l’aspetto dei normali attori del 21° secolo”.

disegno della legenda

Il trucco di un personaggio in particolare si è distinto dal resto. La defunta Pamela Rock, una star della moda punk e dipendente originale del famoso negozio di abbigliamento “Sex” di Westwood, è stata portata sullo schermo dall’attore di “Il Trono di Spade” Williams. Dal disegno del suo viso cubista, ispirato a Pete Mondrian (ora una delle immagini più iconiche della scena punk londinese degli anni ’70) al suo ampio ed esagerato eyeliner nero, l’audace approccio di Rooke alla bellezza le ha aiutato a guadagnarsi il titolo di Punk Queen .

Primorak ha detto che prima della sua morte nell’aprile di quest’anno, Rooke era una presenza costante sul set. “Ciò che è stato sorprendente, quando Maisie stava girando,[Rock]l’ha vista e all’improvviso stava piangendo perché all’improvviso ha visto se stessa e il suo passato”, ha detto. “Il negozio (del sesso) è stato ricreato, la strada sembrava esattamente la stessa e c’era (Williams) in piedi esattamente con gli stessi vestiti. È stato un momento molto toccante”.

Pamela Rock, alias Jordan Money, è in negozio

Pamela Rock, alias Jordan Money, al negozio “sex” di Kings Road. dicembre 1976. a lui attribuito: MirrorPix/MirrorPix/Getty Images

Rooke è stata liberale con commenti su come potrebbe migliorare il suo aspetto. “Era molto, molto coinvolta”, ha detto Primorak. “Abbiamo esaminato l’intera routine e il motivo per cui l’eyeliner nero dovrebbe essere più largo sui lati e più stretto sul davanti. Ha letteralmente parlato di come ha ottenuto questo look, cosa ha usato e perché lo ha usato”.

La regina del punk era anche a disposizione per guidare la squadra lontano da qualsiasi errore di fatto, cosa che raramente viene data agli artisti che partecipano alle biografie. “C’era una sua foto molto iconica con l’eyeliner rosso che volevamo ricreare, ma (Rock) ha detto ‘No, non l’ho mai indossato.'” Alla boutique di Westwood’s Kings Road dopo essere uscita tutta la notte e aver dimenticato il trucco. “Poi Malcolm McClaren (l’ex partner di Westwood) ha detto a Rooke: ‘Preparati perché ci sarà un paparazzi’. Quindi ho appena preso il rossetto e ho fatto qualcosa con il rosso. L’ho fatto solo una volta, tuttavia ho pensato che fosse uno del suo aspetto. Quindi non l’abbiamo incluso nel film”.

Ora che il mondo della moda ha fatto rivivere l’attrezzatura fetish, forse presto seguirà una nuova versione dell’estetica punk. Coloro che desiderano ricreare a casa le unghie assassine di Johnny Rotten o gli enormi alveari di Rooke saranno lieti di trovare il collante che teneva insieme la produzione punk un tempo sorprendentemente accessibile. “L’Oreal Elite Hairspray”, ha detto Primorac. “C’era un sacco di lacca per capelli di Elnett.”

Foto in alto: Maisie Williams nei panni di Pamela Rock in “Pistol” di Danny Boyle il 31 maggio su Disney+.