Il ridotto rischio di demenza è legato a sette sane abitudini e cambiamenti nello stile di vita

Un nuovo studio ha rivelato che sette abitudini sane possono essere collegate a una minore possibilità di sviluppare demenza nelle persone a rischio genetico di sviluppare la condizione.

Essere attivi, mangiare meglio e perdere peso includono cambiamenti nello stile di vita che possono svolgere un ruolo nel ridurre il rischio.

La ricerca suggerisce che altri fattori includono il controllo della pressione sanguigna e del colesterolo, l’abbassamento della glicemia e la cessazione del fumo.

I ricercatori affermano che i risultati sono una buona notizia perché confermano che queste abitudini sono benefiche anche per le persone a più alto rischio genetico di sviluppare la demenza.

“Queste sane abitudini in Life’s Simple 7 sono state collegate a un minor rischio complessivo di demenza, ma non è chiaro se lo stesso sia vero per le persone ad alto rischio genetico”, ha affermato Adrian Ten, MD, dell’Università del Mississippi Medical Center di America. .

“La buona notizia è che anche per le persone a rischio genetico più elevato, è probabile che vivere lo stesso stile di vita sano abbia un rischio inferiore di sviluppare la demenza”.

I sette fattori di salute cardiovascolare e cerebrale sono conosciuti come Life’s Simple 7 dell’American Heart Association.



Rimanere in forma può ridurre il rischio di demenza e migliorare la salute del cuore

Lo studio ha esaminato 8.823 persone di origine europea e 2.738 persone di origine africana che sono state seguite per 30 anni.

I ricercatori hanno calcolato i punteggi di rischio genetico all’inizio dello studio.

La ricerca ha scoperto che il gruppo con il più alto rischio genetico includeva coloro che avevano almeno una copia di una variante genetica – un cambiamento nel DNA – legata al morbo di Alzheimer.

Tra quelli di origine europea, il 27,9% ha il gene, mentre di quelli con origini africane, il 40,4% ha il gene.

Alla fine dello studio, 1.603 persone di origine europea hanno sviluppato la demenza e 631 persone di origine africana hanno sviluppato la demenza.

Per le persone di origine europea, i ricercatori hanno scoperto che le persone con i punteggi più alti sui fattori dello stile di vita avevano un rischio inferiore di sviluppare demenza, anche nel gruppo con il più alto rischio genetico di sviluppare demenza.

Lo studio ha rilevato che per ogni aumento di un punto del punteggio del fattore stile di vita, c’era una riduzione del 9% del rischio di sviluppare demenza.



Due donne nere che cucinano nella cucina di casa
I ricercatori sulla demenza raccomandano di mangiare sano

Lo studio ha rilevato che in quelli con origini europee, rispetto al punteggio più basso, i gruppi medi e alti erano associati rispettivamente a un rischio del 30% e del 43% di sviluppare demenza.

Tra quelli di origine africana, le categorie media e alta erano associate rispettivamente a un rischio inferiore del 6% e del 17% di sviluppare demenza.

La dott.ssa Rosa Sancho, responsabile della ricerca presso l’Alzheimer’s Research UK, ha dichiarato: “Il rischio di sviluppare la demenza dipende da molti fattori.

“Alcuni, come l’età e il corredo genetico, non possiamo cambiare, mentre altri, come la dieta e l’esercizio fisico, possiamo cambiare.

“Questo studio supporta l’idea che ciò che fa bene al cuore fa bene al cervello – e questo è vero anche per le persone con un rischio genetico più elevato di demenza, almeno per i partecipanti di discendenza europea”.

Ha continuato: “Sebbene i ricercatori abbiano monitorato i partecipanti per tutte le forme di demenza, quando hanno classificato le persone in base al rischio genetico si sono concentrati solo sui geni che aumentano il rischio di Alzheimer, che è solo una delle cause della demenza.

“Inoltre, i risultati sulla salute sono stati presi all’inizio dello studio, ma quello che non sappiamo è se le abitudini sane dei partecipanti sono rimaste per tutta la durata dello studio”.

Ha aggiunto che la ricerca futura dovrebbe includere i tipi di rischi per tutte le forme di demenza, idealmente monitorando costantemente abitudini sane.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Neurology.

Sette abitudini sane sono legate a un minor rischio di demenza



Una grande donna asiatica confronta i prezzi di una selezione di carne.
La ricerca sulla demenza ha studiato sette abitudini sane

Continua a leggere per l’elenco “Life’s Simple 7” dell’American Heart Association che descrive in dettaglio i cambiamenti dello stile di vita che possono aiutare le persone a costruire una buona salute cardiovascolare.

1. Gestione della pressione sanguigna

La pressione alta è un importante fattore di rischio per malattie cardiache e ictus. Quando la pressione sanguigna rimane entro livelli sani, riduci lo stress su cuore, arterie e reni, mantenendoti in salute più a lungo.

2. Controllo del colesterolo

Il colesterolo alto contribuisce alla formazione della placca, che può ostruire le arterie e portare a malattie cardiache e ictus. Quando controlli il colesterolo, dai alle tue arterie le migliori possibilità di eliminare i blocchi.

3. Ridurre la glicemia

La maggior parte del cibo che mangiamo si trasforma in glucosio (o zucchero nel sangue) che il nostro corpo utilizza per produrre energia. Nel tempo, livelli elevati di zucchero nel sangue possono danneggiare cuore, reni, occhi e nervi.

4. Sii attivo

Vivere una vita attiva è uno dei regali più gratificanti che puoi fare a te stesso e alla persona amata. In poche parole, l’attività fisica quotidiana aumenta la tua altezza e la qualità della vita.

5. Mangia meglio

Una dieta sana è una delle tue migliori armi per combattere le malattie cardiovascolari. Quando segui una dieta salutare per il cuore, migliori le tue possibilità di sentirti bene e rimanere in salute – per tutta la vita!

Le principali notizie di oggi

6. Perdi peso

Quando perdi grasso extra e peso non necessario, riduci il carico su cuore, polmoni, vasi sanguigni e sistema scheletrico. Ti fai il dono di una vita attiva, abbassi la pressione sanguigna e ti aiuti anche a sentirti meglio.

7. Smetti di fumare

I fumatori di sigarette hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari. Se fumi, smettere è la cosa migliore che puoi fare per la tua salute.

Non perdere mai le ultime notizie da tutta la Scozia e oltre: iscriviti alla nostra newsletter quotidiana quaggiù .