Rispondi a tutte le tue domande sugli strati per la cura della pelle

Con le quantità esorbitanti di prodotti per la cura della pelle sul mercato, è difficile acquistare un nuovo siero, per non parlare di valutare il suo posto nella tua routine. Ma la verità è che conoscere le basi della cura della pelle a strati è un ottimo modo per assicurarti di ottenere il massimo dai tuoi prodotti e dalla tua routine per il tuo specifico tipo di pelle.

Generalmente (e intendo molto genericamente), questo è l’ordine in cui devono essere applicati i prodotti: Detergente, Esfoliante, Tonico, Essenza, Siero, Crema contorno occhi, Retinoide, Crema idratante, Olio viso, SPF. Ma prima di correre per le colline, non posso sottolineare abbastanza che non c’è la giusta quantità di prodotto da avere. Dovrebbero uso. Se la tua routine è composta da due passaggi, tre passaggi o cinque passaggi dipende interamente da te: più prodotti non significano risultati migliori. In effetti, dopo il boom della cura della pelle in quarantena nel 2020, un periodo in cui le persone richiedevano un sacco di prodotti per la cura della pelle dal divano, il che ha portato a una discussione a livello nazionale su come riparare la barriera cutanea danneggiata (nessun giudizio, ci sono stato! Più esperti sono propagandando i vantaggi di una routine semplice e diretta. Tutto questo solo per dire che l’elenco sopra non è affatto una guida a cui dovresti attenerti rigorosamente: è una guida ampia alla stratificazione della cura della pelle per aiutarti a capire all’incirca come i prodotti interagiscono e si assorbono l’uno sull’altro.

Ma anche con la tabella di riferimento, la cura della pelle a strati non è un regime adatto a tutti, e ci sono sicuramente delle eccezioni. Per approfondire alcune delle domande più specifiche, ho chiesto a professionisti del settore in dermatologia e chimica cosmetica. Quindi, se ti stai chiedendo perché alcune persone applicano un retinoide dopo la crema idratante e altri prima, o se ancora non conosci la differenza tra un tonico e un’essenza, non cercare oltre.

dopo la detersione

Dovresti lasciare la pelle bagnata o asciugarla completamente?

Questa è probabilmente la prima decisione di “stratificazione” che prenderai quando inizi la tua routine. Secondo la dott.ssa Loretta Ciraldo MD FAAD, dermatologa certificata con sede a Miami e fondatrice del marchio di cura della pelle Dr. Loretta, la tua pelle è più permeabile quando è bagnata, quindi lasciare la pelle idratata promuoverà una maggiore penetrazione e quindi aumenterà l’efficacia del tuo prodotto .

Se stai usando un tonico o un siero idratante, un prodotto ricco di emollienti come la glicerina e l’acido ialuronico, ad esempio, lasciare la pelle idratata è un ottimo modo per aiutare il tuo prodotto e assicurarti di fornire quanta più idratazione possibile a la tua pelle. Tuttavia, se stai usando un prodotto con ingredienti potenzialmente irritanti, come i retinoidi o l’acido glicolico, ad esempio, la dottoressa Loretta consiglia di tamponare la pelle completamente asciutta, altrimenti corri il rischio di irritazioni.

peeling

Qual è lo scopo dell’esfoliazione?

Gli scrub sono disponibili in diverse forme e dimensioni: toner, sieri, maschere, scrub e simili. Ma di solito, se hai intenzione di esfoliare, dovrebbe essere fatto subito dopo aver pulito il viso. In questo modo, gli alfa e/o beta idrossiacidi possono agire, aiutando a rimuovere le cellule morte della pelle dalla superficie del viso, mentre preparano la pelle per il resto della routine. AHA e BHA sono ingredienti fantastici e potenti con un’ampia gamma di vantaggi, inclusi, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, il controllo del sebo, lo sbiadimento dell’iperpigmentazione e l’aiuto con i problemi di consistenza. Tuttavia, un’esfoliazione eccessiva, ovvero l’uso troppo frequente di prodotti a base di AHA e BHA, può effettivamente distruggere la barriera naturale della pelle, causando irritazioni, arrossamenti e sfoghi.

Quanto spesso dovresti esfoliare?

La tolleranza di ogni tipo di pelle è unica per una persona, ma in media si dovrebbe esfoliare due o tre volte a settimana.

inchiostri idratanti

Olivarrier Dual Moist Lozione Tonificante

Cosrx Propolis Synergy Toner

inchiostri esfolianti

Biologique Recherche Lotion P50 1970 Tonico esfoliante

L'immagine può contenere: latta

Esfoliante liquido Paula’s Choice Skin Perfecting 2% BHA

tonificante

Gli inchiostri idratano?

Se sei cresciuto nella prima età adulta, potresti ricordare il toner come la formula astringente responsabile dell’essiccazione dei brufoli adolescenti. Ma come molti di noi, i toner sono praticamente maturati da allora: grazie alla massiccia influenza della bellezza coreana sul settore, da allora i toner sono diventati esteticamente più eleganti, con una maggiore attenzione all’idratazione, al nutrimento e al bilanciamento del pH della pelle, invece di assorbire olio.

E se il tuo toner avesse proprietà esfolianti?

Oltre a queste nuove e migliorate formule per il raffreddamento della pelle, ci sono anche una serie di tonici esfolianti, come la polvere Biologique P50 preferita di Paula’s Choice BHA, ad esempio. Se il tuo toner contiene ingredienti esfolianti, considera questo prodotto come un passaggio tonificante ed esfoliante e continua.

Essenze e sieri

Una volta per tutte, qual è la differenza tra un tonico idratante, un’essenza e un siero?

A dire il vero, non molto, a parte il fatto che i toner idratanti hanno un focus leggermente maggiore sull’equilibrio del pH e sono spesso diretti ad essere applicati con un batuffolo di cotone, quindi agiscono come una sorta di seconda pulizia della pelle. Secondo il dottor Shuting Hu, chimico cosmetico e fondatore del marchio di prodotti per la cura della pelle Acaderma, le essenze e i sieri sono praticamente gli stessi, con solo alcune lievi differenze.. “L’essenza è una versione leggera e meno concentrata di un siero”, spiega. ” La differenza principale è che le essenze si concentrano maggiormente sull’idratazione, mentre i sieri prendono di mira una varietà di problemi di cura della pelle, come l’acne e le macchie scure, ad esempio”.

Hai bisogno di usare insieme un tonico, un’essenza e un siero idratante?

Non è certamente necessario includere tutti e tre questi prodotti nella tua routine, ma se li hai già tutti nel tuo armadietto dei medicinali e lo desideri davvero, vai avanti. Assicurati solo di non raddoppiare i prodotti che contengono ingredienti potenzialmente irritanti, come l’acido lattico o l’acido glicolico.

essenza

Inchiostro all’essenza di Yul Pyunkang

L'immagine può contenere: bottiglia e cosmetici

Trattamento booster per la cura della pelle Tacha

L'immagine può contenere: bottiglia e shampoo

La bellezza dell’acqua dell’essenza di ginseng Joseon

Cosrx Advanced Snail 96 Mucin Power Essence

111 Essenza Antiossidante Rivitalizzante della Pelle

Avere più sieri nella tua routine. Come dovresti sovrapporli?

Secondo il Dr. Hu, il modo più semplice per pensare alla stratificazione di un siero è applicarlo dal più sottile al più denso, in questo modo gli idrosieri più sottili possono penetrare nella pelle senza dover lavorare molto per ottenere una formula più densa. E ancora, gli alfa e beta idrossiacidi fungono da avvertimento: “Se stai usando un siero esfoliante, come qualcosa che contiene alfa idrossiacidi, mescolato con un altro siero, è sempre meglio usare prima il siero contenente acido, quindi attendere un pochi minuti prima di applicare il siero successivo.” Dice Doctor Who.